Idee di viaggio

Napoli: un piacere perfetto che lascia insoddisfatti

Napoli. Vien da prarafrasare Oscar Wilde quando si torna da un weekend nella città di Totò. Quattro giorni a Napoli sono un buon inizio. Ma non è che un antipasto, un boccone di una città così piena che si torna a casa con l’appetito a malapena risvegliato. E la fame di tornarci.

Piazza del Plebiscito, uno dei luoghi simbolo della città © Elimeli
Piazza del Plebiscito, uno dei luoghi simbolo della città © Elimeli
Cucina: entusiasmo e seduzione

Quando si pensa a Napoli, la prima cosa che viene in mente è mangiare: pasta, pizza, pastiera. La cucina però non è che un punto di partenza, una scusa per visitarla.

Napoli è una città che intontisce con i suoi odori, le vetrine stipate di dolci dalle dimensioni spropositate, cuoppi traboccanti di fritto misto, pizzerie con la coda per entrare, babà che attirano come sirene, ammalianti e lucidi. Il profumo di caffè risveglia l’olfatto ad ogni angolo.

“Tutti i bar fanno un buon caffè — ci racconta Mimmo, nostro cicerone per un’ora o poco più, dopo un breve incontro in autobus — perché un napoletano ne beve dieci al giorno e un bar che non fa un buon caffè… non ha senso”. Venire a Napoli e non mangiare, anche questo non avrebbe senso.

Babbà in vetrina © Elimeli
Babbà in vetrina © Elimeli
Cultura: la città sopra e sotto

Da Piazza del Plebiscito ai Quartieri Spagnoli — quelli della Napoli che tutti immaginiamo e che… sì, sono proprio così seducenti — fino a Castel Novo o all’elegante quartiere di Chiaia. Per chi ha voglia di esplorare la storia e i musei, non resta che lasciarsi andare ai propri gusti e all’ispirazione: dai mosaici di Pompei esposti al Mann, alle moderne Stazioni dell’Arte, a Napoli si percorrono secoli di storia camminando anche solo di qualche centinaio di metri. E dopo la città sopra, c’è la Napoli sotterranea, la città sotto, dove la storia di re, guerre e discariche si intreccia nei tunnel che camminano sotto le piazze e i palazzi. Scegliere cosa vedere in un weekend è un’impresa destinata a non essere conclusa: sono tanti i luoghi da scoprire, troppi per averne abbastanza.

Castel Novo, il Maschio Angioino © Elimeli
Castel Novo, il Maschio Angioino © Elimeli
Costiera Amalfitana: immaginando gli anni '50

Una fuga in giornata per raggiungerla: dopotutto è lì, a pochi chilometri da Napoli. Raggiungere Amalfi con i mezzi pubblici, passando per Sorrento e i tornanti della costiera è un viaggio nel viaggio. La strada serpeggiante rapisce lo sguardo. I faraglioni che si tuffano nel Mar Tirreno, le case colorate arrampicate sulla costa, le colline coperte di olivi e piante di agrumi. È facile ripensare ai vecchi film anni ’50, immaginando di trascorrere qui inverni miti ed estati al profumo limone. Il centro di Amalfi, piccolo e intenso, attira visitatori di ogni nazionalità anche fuori stagione. Inglesi, francesi e giapponesi in abiti eleganti percorrono le viuzze parlando a bassa voce e ad ogni angolo si illuminano di quei sorrisi di chi l’Italia la ama proprio.

Cornetti in Via San Gregorio Armeno © Elimeli
Cornetti in Via San Gregorio Armeno ©
Panorama di Amalfi © Elimeli
Panorama di Amalfi © Elimeli
Contraddizioni: Napoli abbraccia e segna

Napoli è una città troppo contraddittoria per essere capita in poco tempo, troppo complessa per essere giudicata. Alcuni giorni non bastano per conoscerne l’anima, sono sufficienti solo per farle una carezza e aspettare di rivederla. Sorprende la gentilezza dei suoi abitanti, una gentilezza che sembra un luogo comune, ma si percepisce sui visi che si incontrano al bar o sul bus, pronti dare un consiglio per scegliere un buon ristorante o prendere la linea giusta.

Graffiano i suoi lati più ruvidi, i resti del mercato desolati sulle piazze che svolazzano come pensieri incontrollati, i quartieri non tirati a lucido, dove il fascino del centro storico si disperde e il passo si fa più svelto.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Nell’Italia del post lockdown è tornata la voglia di viaggiare tra i propri confini, nazionali o regionali, per riscoprire luoghi e territori vicini. È tornato di moda quello che viene definito “turismo di prossimità”, che nel nostro paese vuol dire un’infinita possibilità di scelta tra tipologie di destinazioni differenti: mare, montagna, città d’arte. Ecco 5 idee di viaggio in altrettante regioni, che uniscono arte moderna, natura e tradizione, per chi è in cerca di una vacanza differente dai soliti schemi.

Idee di viaggio

Borghi marinari, piccoli villaggi persi nel tempo, campagne assopite sotto il sole, valli dal verde lussureggiante, laghi dai colori caraibici, città d’arte e borghi tra i più belli d’Italia. Ecco ottime passioni per chi sceglie di visitare le Marche.