Consigli pratici

Il peggio in Europa. 10 cose da non fare

Redazione

Redazione

Non si fa! Dimenticare di dire “please” a Londra è quasi un insulto. Come arrivare puntuali a un appuntamento con i portoghesi. Ecco 10 cose da non fare nelle città più belle d’Europa.

Londra, “please, say please”

Avete presente quel talento straordinario per la forma che ha reso celebre lo stile british? Benissimo, il ‘please’ ne è la quintessenza! Nei ristoranti, negli alberghi e nei negozi terminate sempre le vostre frasi con questa formuletta magica. Dire ‘per favore’ è la norma a Londra, e vi farà sentire dei veri londoner.

Copenaghen, non siate impazienti!

La fretta non è una caratteristica universale e i danesi ne sono immuni! Se nei caffè e nei ristoranti i camerieri non arrivano subito al tavolo, mantenete la calma. Se proprio siete di corsa, ordinate al bancone e pagate subito, ma poi non prendetevela per la cattiva digestione!

Lisbona, il tram 28
Lisbona, il tram 28
Lisbona: il tempo è un elastico

I portoghesi hanno un senso della puntualità molto personale. Se siete invitati a pranzo o avete un appuntamento, non spaccate il minuto. È un atteggiamento che crea inutili situazioni di imbarazzo. Volete un consiglio? Arrivate almeno un quarto d’ora più tardi.

Berlino: precisione teutonica

(Anche a Berlino) non dimenticate mai di convalidare il biglietto. I controllori della Capitale amano il loro lavoro e lo svolgono in modo serio: si muovono in borghese e sono estremamente diligenti e severi quando scoprono qualcuno sprovvisto di tagliando sulla metro o sulla S-Bahn. La multa è di €40. La cosa migliore da fare è acquistare subito un abbonamento settimanale o una WelcomeCard.

Barcellona: mai fidarsi della fortuna

Se passeggiate sulla Rambla e qualcuno vi invita a partecipare a un gioco d’azzardo, assicurandovi che la vincita è sicura e che è il vostro giorno fortunato, non credeteci! Truffa e raggiro sono in agguato. Attenti anche agli ‘autentici spettacoli di flamenco’: sp

Amsterdam, minaccioso solo all'apparenza
Amsterdam, minaccioso solo all'apparenza
Amsterdam: non tutto è lecito

Ad Amsterdam è permesso molto, ma non certamente tutto. Soltanto le droghe leggere come l’hashish o la marijuana sono tollerate e anche queste possono essere vendute solo nei coffee-shop autorizzati che possiedono un’apposita licenza statale. L’acquisto e la vendita sono invece vietati per strada. Nei Paesi Bassi l’importazione e l’esportazione di sostanze oppiacee sono punite con una pena detentiva fino a 12 anni e il possesso e la vendita di una quantità di droghe leggere inferiore a 30 g con un mese di prigione!

Edimburgo: occhio a Glasgow

Fate un po’ attenzione, suvvia. Evitate di far trapelare che vi piace Glasgow o i giocatori del Celtic. Le due città sono completamente diverse e i rispettivi abitanti non si vedono di buon occhio.

Budapest, romantica per vocazione
Budapest, romantica per vocazione
Budapest: cambiate come si deve

Non cambiate mai somme di denaro dai cambiavalute ambulanti, perché è illegale. Rischiate di essere imbrogliati se non addirittura derubati una volta che tirate fuori il portafoglio. Conviene rivolgersi alle banche o agli appositi uffici, oppure prelevare dagli sportelli automatici.

Madrid, la sua bellezza vi basterà
Madrid, la sua bellezza vi basterà
Madrid: non fumate (troppo)

Come in Italia, in Spagna è in vigore una rigida legge antifumo. È vietato fumare in tutti i luoghi pubblici come caffè, bar, ristoranti e club. Sono state abolite anche le zone e le cabine per fumatori. Chi proprio non resiste deve uscire all’aria aperta.

Vienna, il dress code è tutto

Per una serata a teatro, niente minigonne, t-shirt, jeans o pantaloncini! Per gli uomini sono obbligatorie almeno la giacca e la cravatta. Anche durante la giornata ci sono alcune regole che è consigliabile seguire: per esempio è meglio evitare di stare a torso nudo o con top succinti, com’è naturale soprattutto in chiesa.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Consigli pratici

Il Giappone oggi: tradizioni antiche e tecnologia moderna che si fondono dando vita a una cultura unica, da sempre fonte di ispirazione per i viaggi nel Sol Levante. Sì, ma a che prezzo? Ecco la buona notizia: organizzandovi, viaggerete anche low cost, sfruttando al meglio i servizi del paese.

Consigli pratici

Malta è una delle destinazioni più amate, ma ci sono alcuni errori da non commettere se non si vuole trasformare la vacanza in un incubo. Eccone alcune, dalla nostra guida.