Idee di viaggio

Come sopravvivere al tuo primo hammam in Marocco

Martina Santamaria

Martina Santamaria

Finalmente hai deciso per la prima volta di provare un hammam in Marocco? Ecco quale esperienza ti aspetta. Un hammam è un bagno di vapore caldo seguito da un massaggio. Sembra semplice no? Bene, dimentica tutto quello che hai imparato e conosciuto nelle hammam che hai provato qui da noi. L’hammam marocchino è un’esperienza completamente diversa.

Marocco, fiori nell'hammam: tutto è pronto
Marocco, fiori nell'hammam: tutto è pronto
Non tutti gli hammam sono uguali

L’hammam (in arabo) o hamam (in turco) non è semplicemente una spa dove andare a rilassarsi, è una parte fondamentale della cultura, della tradizione e della vita di tutti i giorni delle persone che vivono in Marocco.

Non solo. Anticamente le hammam erano dei veri e propri “circoli”, in cui le persone andavano non solo per purificarsi il corpo (e di conseguenza l’anima in attesa della preghiera), ma soprattutto per chiacchierare, discutere di affari, fare pettegolezzi e, addirittura, organizzare i matrimoni dei figli.

Probabilmente ti starai chiedendo esattamente in cosa consiste, come ti devi comportare e cosa ti devi portare. Niente ansia, l’hammam è una cosa semplicissima ( e un’esperienza che ricorderai).

Ci sono due tipi di hammam: quelle per i turisti e quelle per i locali. Se è la tua prima volta e hai qualche reticenza, scegli senza alcun dubbio la prime! Le hammam locali infatti possono non soddisfare qualche nostro standard e se non sei una persona che si sa adattare potresti non trovarti perfettamente a tuo agio.

Sapone nero, un balsamo per la pelle
Sapone nero, un balsamo per la pelle
Come funziona un hammam

Quando arriverete nel vostro hammam noterete subito che donne e uomini sono divisi. In alcuni hammam per turisti alle donne è permesso entrare nella parte maschile, ma non in tutti e non in Marocco.

Verrai accompagnato negli spogliatoi nei quali ti verranno date un paio di ciabattine, un asciugamano (o una tunica, dipende dai casi) e dell’intimo di carta usa e getta.

Dovrai cambiarti e probabilmente aspettare che qualcuno venga a prenderti per accompagnarti nell’hammam vero e proprio e darti le istruzioni su come comportarti. All’interno delle hammam non sono permessi i cellulari (ovviamente, ci sono persone nude dentro!)

Hammam in Moschea, bagno rituale
Hammam in Moschea, bagno rituale
Il bagno di vapore

Il primo impatto comunque, quando attraverserai quella porta, sarà quello di sbattere contro un muro di vapore.

L’hammam generalmente è suddivisto in “zone”. Verrai accompagnato per prima cosa in una stanza con delle fontanelle di acqua calda.

Ti verrà dato uno sgabello per sederti e una piccola catinella con la quale sciacquarti, questione di igiene! In alcuni hammam ci sarà qualcuno che si occuperà di versarti dell’acqua tiepida sulla testa e sulle spalle e in alcuni casi ci sarà una persona addetta a lavarti con il sapone nero per cui il Marocco è famoso in tutto il mondo. Dimentica la timidezza, per le persone che lavorano negli hammam è normale, è il loro lavoro e vedrai che  nonostante un piccolo disagio iniziale, entro pochi minuti ti sentirai completamente a tuo agio.

Quando sarai bello pulito, lavato a profumato, verrai accompagnato nella sala interna, quella con più vapore. Siediti da qualche parte, aspettando che qualcuno venga a dirti cosa fare.

Verrai probabilmente lasciato ad aspettare. Sappi che non è indifferenza o mancanza di cura nei tuoi confronti, ma è proprio così che funziona: dopo pochi minuti, respirando profondamente, sentirai i tuoi muscoli rilassarsi e comincerai a sentirti veramente a tuo agio. Quando verranno a chiamarti penserai che stai aspettando da pochi minuti, quando invece sei dentro da molto di più.

Tutto pronto per il massaggio
Tutto pronto per il massaggio
Scrub e massaggi

Dopo il bagno di vapore viene il momento dei massaggi. Qualcuno verrà di nuovo a prenderti e ti accompagnerà in una stanza con dei tavoli di marmo sui quali ti faranno stendere per cominciare il massaggio.

La prima parte non sarà così piacevole in quanto consiste nell’esfoliazione. Il tuo corpo verrà strofinato con energia con qualcosa di ruvido e sentirai il sangue scorrerti sulla pelle come in superficie mentre il tuo corpo riprende vita. A volte ti sembrerà che ti vangano strappati via degli strati di pelle, non è così, alla fine noterai solo un leggero rossore.

Finito lo scrub arriva finalmente il momento che da tanto aspettavi: il massaggio!Ogni hammam ha la sua tecnica. il massaggio generalmente dura dai 30 ai 40 minuti e spesso non è un vero e proprio massaggio come lo conosciamo noi, ma più un modo di accarezzarti la pelle. A volte viene utilizzato olio profumato di Argan, altre volte semplicemente schiuma di sapone.

Dopo lo scrub, il massaggio è veramente un toccasana, ti sembrerà cheil tuo corpo entri in contatto con  migliaia di ali di farfalle.

Il rito del tè

Non è finita qui. Quando uscirai dall’hammam, ti verrà probabilmente offerto del tè alla menta da sorseggiare, mentre ti rilassi ancora un po’ prima di riprendere la visita della città.

Tieni conto che ad oggi l’hammam tradizionale (come te l’ho raccontato io) si è evoluto e molte hammam offrono diversi tipi di massaggi e di servizi. Scegli quello che ti ispira di più.

In Marocco e soprattutto a Marrakesh, incontrerai molte hammam girovagando per la medina, ma più probabilmente ti verrà offerta dal tuo riad, oppure chiedi e te ne verrà consigliata qualcuna.

Una delle più famose è Hammam Ziani e puoi scoprire come arrivarci e provare il tuo hammam sul loro sito web.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

La ricchezza della Valle d’Aosta è nelle sue montagne: alte, massicce, imponenti, incantevoli. Costituiscono la quasi totalità del territorio e tra esse vi sono le più alte d’Italia: Monte Bianco, Cervino, Monte Rosa, Gran Paradiso, vere meraviglie della natura. Il modo migliore per scoprire questa regione e le sue bellezze naturali è sicuramente…camminare!

Idee di viaggio

Se cercate un territorio bellissimo per una fuga nel verde in primavera, puntate sulla Sicilia. Vi aspettano scenari mozzafiato, infinito relax e la costante tentazione – alla quale è vietato resistere – del cibo dell’isola.