Idee di viaggio

Irlanda: viaggio tra miti e leggende

Redazione

Redazione

Elaborata e suggestiva, la mitologia è parte integrante di un viaggio in Irlanda. La incontrerete spesso e con queste informazioni dalla nostra guida Maxi la apprezzerete di più.

Monastero di Clonmacnoise
Monastero di Clonmacnoise
L'antico ciclo mitologico

È il più antico, risale alla tradizione orale e alle prime testimonianze scritte, come dimostra il Lebor na hUidre o Libro della mucca bruna. Vi si racconta la saga di Tuan che sperimentò numerose reincarnazioni con le sembianze di animale e visse svariate invasioni di popoli stranieri in Irlanda.

L’antico manoscritto risalente al XII secolo è un’opera a tre mani, in gran parte del monaco irlandese Máel Muire mac Céilechair del monastero di Clonmacnoise, contea di Offaly.

Il racconto di Tuan rispecchia la storia della colonizzazione dell’Irlanda da parte dei popoli che si avvicendarono al potere: i Partaloniani, i Fir Bolgs, i Tuatha Dé Dannan e i Milesiani.

Solo gli ultimi due riuscirono a rispettare a lungo una tregua: la stirpe divina dei Tuatha Dé Dannan – forse progenitori dei Feen, il “fairy folk” – occupò il sottosuolo e visse nascosta in gallerie, castelli concentrici e cerchi di pietre; i Milesiani coltivarono la terra. Molte famiglie irlandesi fanno risalire le loro origini a quei primi coloni celtici.

Il luogo riferimento: contea di Offaly

Ulster Dunluce Castle
Ulster Dunluce Castle
Il ciclo dell'Ulster

Quando la regina Mebh, che possedeva il Toro Bianco di Connacht, venne a sapere che il Toro Bruno dell’Ulster superava in grandezza il suo, costituì un esercito con gli uomini migliori e si diresse nell’Ulster per impossessarsi dell’animale. Durante la difesa dell’Ulster le truppe scelte di Conor, i guerrieri del Craobh Rua (Red Branch), furono colpiti da dolori simili alle doglie e, inermi e indifesi, riposero le loro ultime speranze nel semidio Cuchulainn, figura fondamentale della mitologia irlandese e protagonista di questa saga. In quanto figlio del dio Lugh e di Deichtine (una figlia di Conor mac Nessa), a lui erano dovuti stima e fama.

Il luogo riferimento: provincia dell’Ulster

Dromore Castle, Limerick
Dromore Castle, Limerick
Il ciclo storico

In questo ciclo di saghe incentrate sui leggendari sovrani vissuti tra il III e l’XI secolo storia e mito si intrecciano. Nella parte iniziale del poema i supremi re d’Irlanda vengono descritti allo stesso modo che nei testi medievali o di epoca più antica, per esempio come nell’Annual of the Four Masters e negli Annuals of Ulster. Il più famoso di questi antichi re irlandesi è Brian Boru, che per primo riunì tutte le province contro il nemico comune, i Danesi.

Brian apparteneva al clan dei Dál Cais (Dalcassiani), insediato lungo il fiume Shannon nelle attuali contee di Limerick e di Clare, una zona che ancora oggi è nota come regno di Thomond. Dopo ampie conquiste territoriali in seguito a guerre e alleanze, Brian diventò re supremo d’Irlanda; la vittoria finale sui Danesi a Clontarf nel 1014 e la sua morte eroica durante la battaglia fanno di lui una figura significativa della storia irlandese.

Il luogo riferimento: Contea di Limerick e di Clare

I Fionn

Una serie di testi in prosa e in versi costituisce questo ciclo composto e integrato a partire dal VII secolo, in cui si raccontano le gesta dell’eroe leggendario Fionn MacCumhaill, che nel III secolo difese l’Irlanda con l’appoggio dei suoi dati guerrieri detti “Fionna”. Il padre di Fionn, Cumhaill, era capo dei Fionna e del Clan Bascna, fino a quando fu sconfitto in battaglia dal Clan Morna guidato da Goll mac Morna, che a questo punto reclamava la guida dei Fionna.

La moglie di Cumhaill, incinta, temette per la sua vita e fuggì nei boschi, dove partorì Fionn di nascosto e lo crebbe. Esistono numerose saghe a partire dal periodo della sua infanzia.

Il luogo riferimento: Contea di Kildare

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Vi è mai capitato di visitare un luogo e sentirvi rapiti dalla sua storia, trasportati in un altro tempo? Esplorare gli scavi archeologici di Pompei ed Ercolano vi permetterà di vivere questa esperienza, sarà come attraversare una porta spazio-temporale che vi condurrà nell’anno 79 d.C., pochi attimi prima della catastrofica eruzione del Vesuvio.

Idee di viaggio

La si potrebbe girare in infiniti modi, senza mai annoiarsi. Si potrebbe passare davanti San Petronio in molte occasioni, senza mai stufarsi. Questo perché Bologna è una città che affascina per la sua semplicità. Per quella magia che possiede, leggibile nei suoi palazzi medievali e rinascimentali. Ma per una volta si potranno lasciare da parte le solite esperienze riportate in tutte le guide turistiche, riservando del tempo a possibili alternative. Eccone cinque.