Idee di viaggio

Mincio da esplorare con lentezza

Chiara Beretta

Chiara Beretta

A poca distanza dalle sponde affollate del Garda meridionale c’è una valle verde tutta da esplorare: è la meta perfetta per gli amanti della natura, dell’outdoor e della tranquillità. Per raggiungerla si segue il corso del fiume Mincio, emissario del lago di Garda. Lungo questo corso d’acqua si allunga una delle piste ciclabili più belle d’Italia, un’autostrada verde di circa 45 chilometri tra Lombardia e Veneto che attraversa le tante gemme di questo entroterra da scoprire senza fretta. 

La chiesa di Monzanbano. Credits Chiara Beretta
La chiesa di Monzanbano. Credits Chiara Beretta
Monzanbano e Castellaro Lagusello, borghi senza tempo

Peschiera del Garda è il punto di partenza ideale per spingersi nel tranquillo entroterra della regione fluviale. Seguendo il corso del Mincio, e magari proprio pedalando sulla ciclovia che gli corre accanto, una prima tappa da non perdere è il borgo di Monzanbano. Impossibile non notare l’imponente chiesa di San Michele Arcangelo, in stile tardo barocco. A gareggiare in dimensioni con questo luogo sacro è solo il castello medievale, dalla cui torre campanaria si gode di una vista panoramica su tutta la valle del Mincio fino alle Prealpi bresciane e veronesi. Anche a Castellaro Lagusello, frazione di Monzanbano, la fortificazione del nucleo antico del borgo si è mantenuta pressoché intatta.

Borghetto sul Mincio. Credits Chiara Beretta
Borghetto sul Mincio. Credits Chiara Beretta
Valeggio sul Mincio è il cuore dell’entroterra del Garda

Proseguendo lungo la ciclovia del Mincio si arriva al cuore di questo entroterra: Valeggio sul Mincio e il suo borgo medievale, Borghetto sul Mincio, considerato uno dei più belli d’Italia. È il luogo giusto in cui assaggiare i tortellini di Valeggio, che la leggenda ha ribattezzato nodo d’amore in memoria dell’unione eterna tra Malco, capitano dell’esercito del signore di Milano Gian Galeazzo Visconti, e la ninfa Silvia. Per accompagnare questa pasta ripiena, ma anche il pesce d’acqua dolce o i salumi, non c’è niente di meglio di un calice di Custoza DOC, vino bianco che si produce sulle colline moreniche tra Verona e il Garda. Oltre al castello Scaligero che domina Valeggio, in questa zona merita una lunga visita il Parco Giardino Sigurtà. Creato nel 1400 e più volte premiato per la sua bellezza, quest’area verde di 60 ettari include il viale delle rose, il labirinto, laghetti con le ninfee e, quando è stagione, la spettacolare fioritura di oltre un milione di tulipani. Imboccando nuovamente la ciclovia del Mincio si incontrano altre tappe che meritano una sosta prima dell’ingresso a Mantova. A Volta Mantovana, ad esempio, si possono assaggiare i tradizionali capunsèi, gnocchi di pane dalla forma allungata. A Massimbona c’è un antico mulino ad acqua. La graziosa Goito, che nel 1848 è stata teatro di uno scontro nella prima Guerra di Indipendenza, si è invece guadagnata il soprannome di “piccola città del Risorgimento”. Alle porte di Mantova c’è Bosco Fontana, nel comune di Marmirolo: un’area naturale protetta che ospita anche nibbi bruni, anatre, picchi, donnole e faine.

La ciclabile sul Mincio. Credits Chiara Beretta
La ciclabile sul Mincio. Credits Chiara Beretta
Un’oasi per gli amanti del turismo open air

In un periodo in cui il desiderio di natura e di viaggi all’aria aperta acceso dalla pandemia non accenna a diminuire ma, anzi, si conferma una tendenza in crescita, la valle del Mincio sembra offrire tutto il necessario: aree verdi, corsi d’acqua, una rete di percorsi ciclabili di recente costruzione e tante occasioni di turismo attivo, culturale ed enogastronomico open air. «Siamo molto felici dell’andamento delle prenotazioni per la stagione in corso, numeri ancora più importanti rispetto alla stagione 2022», conferma Domenico Montano, direttore generale Human Company di cui fa parte anche Hu Altomincio village di Salionze, frazione di Valeggio sul Mincio. Questa struttura ricettiva, che è una delle principali della zona, contribuisce all’offerta ricreativa open air del Mincio: direttamente affacciata sulla ciclovia che collega Peschiera del Garda a Mantova, include confortevoli case mobili, tende glamping, un parco acquatico e un parco avventura per bambini.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Il Portogallo è uno dei paesi più belli e accoglienti del pianeta. Eppure anche qui ci sono alcuni piccoli errori da non commettere se non volete rovinarvi la vacanza. Scopriamoli insieme con questi spunti dalla nostra guida.

Idee di viaggio

La penisola nella Penisola. Il promontorio dell’Argentario è un tesoro (lo dice il nome stesso) troppo spesso sottovalutato. Il suo mare si fa apprezzare sotto mille aspetti diversi: baie nascoste, spiagge sabbiose, insenature di sassi, maestose scogliere, acqua cristallina. I suoi borghi, da Porto Santo Stefano a Porto Ercole, colorano le calde serate estive. Ma anche le strade panoramiche, le tracce della dominazione spagnola, la riserva naturale della Feniglia… Insomma: in questo angolo di paradiso tra Lazio e Toscana c’è un tesoro da scoprire. O riscoprire.