Idee di viaggio

Tenerife a colori

Un luogo, proprio come un libro o con un film, si può vivere e interpretare su vari livelli. Tenerife è un’isola delle Canarie che può essere la meta di una perfetta vacanza da spiaggia oppure una località storica da cui trarre molte informazioni diverse. Oltre a questo, è un vero e proprio catalogo di biodiversità in cui è possibile ammirare flora e fauna di ogni genere. Ci sono viaggiatori capaci di cogliere i colori di un posto in modo particolare: Tenerife può essere scoperta proprio utilizzando come ispirazione le sue tonalità.

Se sei in cerca di rosso

Chi cerca il colore rosso potrebbe recarsi in molti luoghi a Tenerife, ma ce n’è uno tra tutti capace di sorprendere: la zona del Pico Viejo, sul Teide. Il Parque Nacional del Teide vale mille viaggi a Tenerife: per fare trekking, per godere di una perfetta giornata on the road, per capire che le Canarie sono insieme montagna e mare e, oltre a questo, per ammirare i colori delle rocce nate – è proprio il caso di dirlo – dall’ultima eruzione del Teide del novembre 1909. La zona vicina al Pico Viejo è un trionfo di minerali di colore rosso: si va dal ruggine chiaro fin quasi a un vinaccia intenso.

I rossi del Teide. Credits foto-select / Shutterstock
I rossi del Teide. Credits foto-select / Shutterstock
Se sei in cerca di nero

Non è difficile individuare i colori scuri quando si è in viaggio su un’isola vulcanica come Tenerife. Le spiagge scure sono molte di più di quelle chiare e una di esse, dalla sabbia meravigliosamente vellutata, andrebbe assolutamente vista almeno una volta nella vita. Si tratta della spiaggia del Roque de las Bodegas, sulla costa settentrionale, nei pressi di un luogo che si chiama Taganana. È un tratto davvero esteso e, con la bassa marea, mostra tutta la propria grandezza. Un avvertimento: la sabbia vi si attaccherà addosso, una sensazione che amerete tantissimo.

Il nero sulla spiaggia. Credits Giovy Malfiori
Il nero sulla spiaggia. Credits Giovy Malfiori
Se sei in cerca di verde

Anche il verde è capace di trionfare a Tenerife. La costa settentrionale dell’Isola è quella in cui la vegetazione è più rigogliosa e lussureggiante. Ve ne renderete conto nella zona chiamata Sierra de Anaga, non distante da La Laguna, una città che merita di essere conosciuta. La Sierra di Anaga è una laurisilva, ovvero una foresta tipica delle zone subtropicali, dove l’umidità è alta e le piante trovano un habitat ideale. Spesso, visitando la Sierra de Anaga, si fa fatica a pensare che si trovi sulla stessa isola che ospita, per esempio, il Parco Nazionale del Teide. Provare per credere.

Uno scorcio della Sierra de Anaga. Credits Marlene Vicente / Shutterstock
Uno scorcio della Sierra de Anaga. Credits Marlene Vicente / Shutterstock
Se sei in cerca di blu

Il blu è un colore onnipresente a Tenerife, grazie all’Oceano Atlantico che regala mille totalità di questa tinta alle coste dell’isola. Coglierete innumerevoli sfumature di blu diverse, pronte a cambiare chilometro dopo chilometro lungo il litorale.

L'oceano. Credits Serenity-H / Shutterstock
L'oceano. Credits Serenity-H / Shutterstock

Un luogo speciale per ammirare il blu? La zona di San Juan de la Rambla. Dall’alto della scogliera si guarda in giù per ammirare le onde infrangersi sulla costa e creare un variopinto universo acquatico con mille tonalità di blu.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Vale la pena allontanarsi per qualche ora da Venezia per esplorare la quieta bellezza di Pellestrina, una delle isole della Laguna veneta. Questa sottile lingua di terra separa le acque lagunari dal Mar Adriatico e fino a qualche decennio fa era popolata esclusivamente da pescatori e merlettaie. Oggi è molto più comune incontrarvi viaggiatori in cerca di sentieri meno battuti, ma l’isola ha comunque mantenuto il proprio irresistibile aspetto pittoresco.

Idee di viaggio

Le isole Canarie sono un classico del turismo e, forse proprio per questo motivo, una destinazione che non attirava più di tanto la nostra curiosità. Poi l’occasione di una settimana di vacanza a febbraio e la voglia di spezzare l’inverno hanno contribuito alla scelta e così siamo partiti per Tenerife, l’isola più grande dell’arcipelago.

A eccezione della zona sud, frequentata prevalentemente dal turismo di massa, l’isola offre una natura sorprendente, ricca di contraddizioni e singolarità: in poche parole ci ha entusiasmato!