Idee di viaggio

Viaggio a Marsiglia: un seducente mix di culture del Mediterraneo

Erika Scafuro

Erika Scafuro

“Ogni giorno sentivo la necessità di allontanarmi un po’ dagli esseri umani, rigenerarmi nel silenzio. Pescare era secondario. Solo un omaggio da rendere a questa immensità. Lontano, al largo, imparavo di nuovo l’umiltà. E tornavo a terra sempre pieno di bontà per gli uomini”. Le parole dello scrittore marsigliese Jean-Claude Izzo racchiudono l’anima di Marsiglia e di chi la abita. 
Abituata, come tutte le città portuali, ad accogliere tutto ciò che giunge dal mare, Marsiglia si è sempre contraddistinta per l’accoglienza di culture, lingue, etnie differenti. Ed è ciò che l’ha resa simbolo di cosmopolitismo. Inserita nella lista delle migliori destinazioni Lonely Planet 2023, Marsiglia sta finalmente vivendo il suo momento di gloria e accoglie visitatori da tutto il mondo.

Marsiglia, graffiti al Vieux-Port. Credits Erika Scafuro
Marsiglia, graffiti al Vieux-Port. Credits Erika Scafuro
Notre-Dame-de-la-Garde: riconoscenza e protezione

Appena giunti a Marsiglia il consiglio è quello di raggiungere a piedi i 154 metri, il punto più alto della città, su cui sorge la Basilica di Notre-Dame-de-la-Garde. È da questa collina che potrete capire il legame profondo di Marsiglia con il mare e comprendere la devozione dei marsigliesi per la Bonne Mère, che veglia sulla città. Entrate nella Basilica, qui si respira un’atmosfera di gratitudine e riconoscenza con gli ex voto che la decorano, si invoca protezione per pescatori, marinai, uomini e donne di mare. Simbolo di Marsiglia, Notre-Dame-de-la-Garde offre un panorama su tutta l’immensità di questa città con i suoi sedici arrondissement.

Marsiglia, in giro per Le Panier. Credits Erika Scafuro
Marsiglia, in giro per Le Panier. Credits Erika Scafuro
Le origini greche: il quartiere Le Panier

Fondata da marinai greci, Marsiglia sin dalle sue origini è nota per il porto che, ancora oggi, conserva il fascino di imbarcazioni che tornano o che salpano. È proprio il Vieux Port il cuore pulsante che dà vita a questa città. Da qui raggiungete Le Panier, il quartiere più antico di Marsiglia. È qui che si trova Place de Lenche, il luogo dove sorgeva l’agorà greca.

Rue Panier, la via simbolo che ha accolto principalmente coloro che migravano a Marsiglia, mostra il fascino delle diversità che si fondono insieme. Oggi questo storico quartiere, grazie alla street art, è un’esplosione di colori e allegria.

Il MUCEM e la Cattedrale di Marsiglia. Credits Erika Scafuro
Il MUCEM e la Cattedrale di Marsiglia. Credits Erika Scafuro
Arte e architettura

Gli amanti dell’arte e dell’architettura troveranno in Marsiglia una città all’avanguardia. Al Vieux Port noterete l’Ombrière, concepita dall’architetto Norman Foster, questa struttura in acciaio consente ai passanti di riflettersi in un gioco di luci e specchi. 
A Le Panier visitate il Centre de la Vielle Charité, il complesso architettonico del XVII secolo destinato ad accogliere vagabondi e orfani e che oggi è un polo museale. Scendete nuovamente verso il mare per ammirare l’imponenza della Cattedrale La Major con il suo stile romano bizantino. Non perdetevi il MUCEM, Musée des civilisations de l’Europe et de la Mediterranée, inserito fra i 50 musei migliori da visitare al mondo.
Fra i quartieri Noialles e Notre Dame du Mont, soffermatevi in Cours Julien per ammirare altre opere di street art. A partire dalla coloratissima scalinata di Rue Estelle, scoverete tocchi d’artista in ogni angolo, nelle boutique di design o nei locali che animano il giorno e la notte.

Les Calanques. Credits Erika Scafuro
Les Calanques. Credits Erika Scafuro
Marsiglia e lo spettacolo dei Calanques

Il capoluogo della Provenza- Alpi Costa Azzurra si contraddistingue anche per una natura spettacolare. Qualunque sia la stagione in cui la visiterete, non perdetevi un’escursione al Parc National des Calanques dove questi massicci calcarei disegnano un paesaggio straordinario. Il parco si può raggiungere in vari modi, un’opzione è prendere il bus dal centro di Marsiglia, e poi percorrere uno dei vari sentieri che conducono a queste falesie spettacolari a picco sul mare.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

La chiamano l’isola dell’eterna primavera, oppure il giardino dell’Atlantico, soprannomi che limitano nell’immaginario ciò in realtà Madeira può offrire: una varietà di ambienti e paesaggi che la rendono un’isola che va ben oltre la vacanza di mare.

Idee di viaggio

Genova ama sorprendere e in giro per le sue strade non mancano le occasioni per restare a bocca aperta, spesso dovute a sapienti riletture di un passato straordinario. Il via lo ha dato Renzo Piano con la riqualificazione del Porto Antico per le Colombiadi, ma anche oggi questa città sa reinventarsi e proporre nuovi stimoli a chi ama viaggiare. Che ne dite, per esempio, di soggiornare in un ostello super raffinato realizzato tra gli archi in pietra di una via di grande rilevanza urbanistica?