Consigli pratici

Non fatelo a Tokyo

Redazione

Redazione

In una megalopoli come Tokyo si può avere l’impressione che non esistano regole. Niente di più sbagliato. Eccone alcune, facili e basilari. Seguitele e godetevi il viaggio con la prima guida Marco Polo dedicata alla megalopoli!

Il regalo dell'ospite: non dimenticatelo

Non andate mai in visita da qualcuno senza portare un regalo! L’idea che piace a tutti è qualche bel ricordino del proprio paese d’origine. Se doveste comprare un regalo a Tokyo, fatelo in un rinomato grande magazzino. Fatelo impacchettare con cura e consegnatelo così, per dimostrarne l’esclusività. Questa attenzione sarà molto apprezzata!

Attenti ai 'sì'

Tokyo dà l’impressione di correre senza fermasi mai, ma anche qui non bisogna giungere a conclusioni affrettate! Quando i giapponesi dicono hai, suona come un sì e in effetti indica assenso, ma può anche significare il contrario. Spesso vuol dire solo: “Continua a parlare, sto ascoltando!” Solo raramente viene espresso direttamente un dissenso, perché un “no“ (iie) potrebbe ferire l’interlocutore.

Shibuya
Shibuya
Non viaggiate nel periodo sbagliato

A Capodanno e nella “settimana dorata“ (29 aprile-6 maggio) – così come nei giorni a metà agosto, quando i buddhisti onorano i defunti – metà della popolazione si mette in viaggio. Tutte le località di villeggiatura sono sovraffollate e i prezzi sono ovunque molto più cari.

Onsen, istruzioni per l'uso
Onsen, istruzioni per l'uso
Occhio alle gaffe da turisti

Nella maggior parte dei casi i giapponesi sorvolano con molta cortesia sulle gaffe degli ignari turisti, ma vi saranno molto grati se rispetterete alcune regole. Eccone alcune! Non calpestate i tappeti in tatami con le scarpe, che devono essere deposte all’ingresso! Non andate al gabinetto indossando le pantofole: ci sono pantofoline apposite che, quando lasciate la toilette, vanno riappese al gancio sulla porta. Non entrate in una vasca degli onsen con il sapone: ci si va per rilassarsi, ma dopo essersi lavati accuratamente fuori! Non infilate le bacchette nella scodella del riso, lo si fa solo ai funerali. Infine, molto utile: non alzate mai la voce, perché raramente questo è il modo giusto per ottenere il risultato sperato (anche in Giappone).

Terremoto? Niente panico

Ogni anno il Giappone subisce almeno un migliaio di piccole scosse telluriche, ma le vibrazioni iniziano a essere avvertite dagli esseri umani solo a partire dal III grado della scala Mercalli (che prosegue, per fortuna quasi mai, fino all’apocalittico XII grado). Non fatevi prendere dal panico e restate vigili. Spegnete subito il fuoco, chiudete il gas e aprite porte e finestre. Non precipitatevi subito fuori! Quando c’è una forte scossa è meglio rifugiarsi sotto la cornice di una porta e ascoltare che cosa consigliano alla radio e alla televisione (gli annunci sono anche in inglese). A Tokyo ci sono ovunque punti prestabiliti dove gli abitanti si radunano dopo scosse importanti e dove le autorità si prendono cura delle varie necessità. Seguite la gente del quartiere, ha una certa esperienza…

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Consigli pratici

Pensate di concedervi un weekend in una capitale europea? È un’idea bellissima! Ci piace così tanto che abbiamo creato questa veloce guida che vi aiuterà a orientarvi tra le destinazioni top del continente. Veloce, sì!, perché si parla soprattutto dei voli low cost per raggiungerle!

Consigli pratici

Di Barcellona amerete lo stile di vita, la varietà di caffè e locali, il clima mite e l’ottima cucina, oltre alla spesa nel più bel mercato della città, la Boqueria. Ecco le alternative low budget per una giornata a Barcellona senza troppa spesa.