Idee di viaggio

Londra, lo spettacolo dello sport

Redazione Marco Polo

Redazione Marco Polo

Tre volte olimpica, sede di squadre e di stadi leggendari, custode di tradizioni e di storie, Londra è una delle grandi città mondiali dello sport. La capitale del Regno Unito offre ai visitatori l'opportunità di assistere a spettacoli sportivi di altissimo livello lungo tutto l'arco dell'anno. Calcio, tennis, rugby, cricket: i campioni giocano qui.

Alle origini del calcio

Già molti popoli antichi, dai greci ai cinesi alle civiltà precolombiane, praticavano giochi con un pallone, ma il calcio come lo conosciamo è nato qui, nel quartiere di Holborn, dove tranquilli cortili interni, vicoli stretti, prati curati e pub d'altri tempi lasciano intravedere scorci della Londra settecentesca. Alla Freemasons' Tavern di Great Queen Street (tuttora in attività, ottima per una pinta!), il 26 ottobre 1863, venne fondata infatti la Football Association, la federazione inglese del calcio, che elaborò il primo regolamento del gioco. Otto anni più tardi si disputò la prima edizione uficiale della FA Cup, la Coppa d'Inghilterra, tuttora una delle manifestazioni più prestigiose del mondo. Se la aggiudicò il Wanderers Football Club, squadra di Battersea. Tenete presente questo nome: al Battersea Park, una splendida area verde di 50 ettari, si trovano incantevoli viali, deliziosi laghetti e diverse strutture sportive.

Battersea Park. Credits anastas_styles / Shutterstock
Battersea Park. Credits anastas_styles / Shutterstock

A Londra ci sono ben tredici squadre professionistiche, sette delle quali in Premier League, il massimo campionato inglese. Non solo Chelsea, Arsenal e Tottenham, dunque, ma anche Millwall, Sutton United e Leyton Orient. Ciascuna squadra ha radici profonde nel territorio, identità ben definita e sostenitori molto accesi. Assistere a una partita dal vivo è un'esperienza a prescindere dal risultato, anche grazie allo straordinario fascino degli stadi londinesi, da quelli nuovissimi come il London Stadium, casa del West Ham, a quelli vecchi e carichi di suggestioni come Craven Cottage, campo del Fulham. Trovare i biglietti per la Premier non è facilissimo (informatevi sui siti ufficiali delle squadre), ma anche la serie inferiore regala spettacoli emozionanti e atmosfere cariche di passione.
Il tempio del calcio londinese è naturalmente lo stadio di Wembley. Quello storico, in cui la nazionale inglese ha scritto grandi pagine e vinto la Coppa Rimet nel 1966, è stato demolito nel 2003. Al suo posto è sorto un impianto da novantamila posti, che ospita anche eventi diversi dal calcio, dagli altri sport ai grandi concerti. Per prenotare un giro guidato consultate il sito www.wembleystadium.com.

Il nuovo Wembley. Credits Frames Footage / Shutterstock
Il nuovo Wembley. Credits Frames Footage / Shutterstock
The Championships, semplicemente Wimbledon

Tradizione, etichetta, le tenute bianche, il palco reale, le fragole, la pioggia all'improvviso e la corsa frenetica per coprire i campi con i teloni: non c'è limite alle immagini e alle suggestioni del torneo di tennis più blasonato e ambito del mondo, che si disputa nel sobborgo sud-occidentale di Wimbledon. I giocatori più forti della storia vi hanno preso parte, molti lo hanno vinto, non tutti, perché il trofeo è rimasto stregato per alcuni magnifici interpreti del gioco come Ken Rosewall, Ilie Năstase o Ivan Lendl.

Il Centrale di Wimbledon gremito. Credits Peter Menzel / Wikimedia Commons
Il Centrale di Wimbledon gremito. Credits Peter Menzel / Wikimedia Commons

A Wimbledon è in vigore una magnifica usanza che permette a tutti o quasi di vivere una giornata indimenticabile: "the Queue", la coda che si forma di buon mattino dei giorni del torneo per acquistare i biglietti messi in vendita appositamente. Il Ground Pass Ticket permette di accedere ai campi dal 3 al 18 e ha prezzi molto ragionevoli, a partire da 27 sterline nei primi giorni e a scendere nei giorni successivi. Arrivando entro le otto del mattino avrete ottime probabilità di entrare. Con il Ground Pass è possibile anche assistere alle partite dei campi principali, proiettate sui maxischermi ai piedi di una collinetta conosciuta come Henman Hill.
Sul Centrale si gioca anche dopo il calare dell'oscurità, ma gli incontri vengono sospesi alle 23, orario limite imposto dalla municipalità di Wimbledon. Questo consente peraltro agli spettatori di rientrare a Londra prima della chiusura della metropolitana.

La Henman Hill. Credits Framemaster A / Shutterstock
La Henman Hill. Credits Framemaster A / Shutterstock
Rugby e cricket, molto inglesi

Pensi al rugby e dici: Sei Nazioni. Il torneo internazionale che oppone le rappresentative delle Isole Britanniche, la Francia e l'Italia si disputa ogni anno tra febbraio e marzo. L'Inghilterra gioca a Twickenham, un altro sobborgo occidentale di Londra. Il biglietto per il tour dello stadio dà diritto anche all'ingresso al Museo del Rugby, ristrutturato di recente. Dall'altra parte della città si trova invece il Lord’s Cricket Ground, dove da oltre duecento anni si pratica l'inglesissimo cricket, tra lanci, battute e corse incrociate.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Il Portogallo è uno dei paesi più belli e accoglienti del pianeta. Eppure anche qui ci sono alcuni piccoli errori da non commettere se non volete rovinarvi la vacanza. Scopriamoli insieme con questi spunti dalla nostra guida.

Idee di viaggio

La penisola nella Penisola. Il promontorio dell’Argentario è un tesoro (lo dice il nome stesso) troppo spesso sottovalutato. Il suo mare si fa apprezzare sotto mille aspetti diversi: baie nascoste, spiagge sabbiose, insenature di sassi, maestose scogliere, acqua cristallina. I suoi borghi, da Porto Santo Stefano a Porto Ercole, colorano le calde serate estive. Ma anche le strade panoramiche, le tracce della dominazione spagnola, la riserva naturale della Feniglia… Insomma: in questo angolo di paradiso tra Lazio e Toscana c’è un tesoro da scoprire. O riscoprire.