Idee di viaggio

Parigi, un romantico viaggio in solitaria

Erika Scafuro

Erika Scafuro

Città romantica per antonomasia, proprio per questo Parigi è perfetta per un viaggio in solitaria. Cosa c’è di meglio di giornate dedicate alla scoperta, al divertimento, alla serendipità e al tempo per sé? Sentirsi soli nella capitale francese, che conta oltre due milioni di abitanti, è impossibile; ed è anche facile immedesimarsi un po’ nella protagonista della serie tv Emily in Paris. Vi suggeriamo un tour che, oltre a farvi innamorare di Parigi camminando fra i suoi quartieri, vi farà ritrovare l'armonia con il vostro sé.

Lo spirito bohémien di Montmartre

Sicuramente uno dei luoghi più poetici di Parigi, Montmartre è il quartiere da cui consiglio di partire per ritrovare lo spirito bohémien. Salite uno ad uno gli scalini che conducono alla basilica del Sacré-Coeur e poi, una volta giunte in cima, giratevi a osservare tutta la città e respirate la sensazione di libertà e gioia di un viaggio in solitaria. Smarritevi fra le stradine, assaporate una gustosa crêpe e poi ritrovate la direzione per Place du Tertre, dove potrete farvi fare un ritratto o una caricatura da uno dei numerosi artisti di strada.

Uno scorcio di Place du Tertre. Credits kavalenkava / Shutterstock
Uno scorcio di Place du Tertre. Credits kavalenkava / Shutterstock
Il Marais multiculturale

Nel primo pomeriggio fermatevi a riposare sui verdissimi prati di Place des Vosges, nel quartiere del Marais: questa piazza, circondata da edifici porticati e tetti alla francese, conserva l’eleganza del passato e allo stesso tempo svela un piccolo microcosmo parigino fatto dalle persone che la frequentano.
Boutique, gallerie d’arte, botteghe di artigiani: il Marais, in cui peraltro vive buona parte della comunità ebraica locale, è indubbiamente il quartiere parigino della multiculturalità. Se vi piacciono i sapori mediorientali potrete acquistare take away qualche piatto tipico della tradizione nello storico Chez Marianne, in Rue des Hospitalières Saint-Gervais. 

 

I giardini di Places des Vosges. Credits Mistervlad / Shutterstock
I giardini di Places des Vosges. Credits Mistervlad / Shutterstock

Dopo aver verificato le esposizioni in programma, ed esservi appuntate quelle che desiderate vedere, raggiungete la struttura in acciaio colorato del Beaubourg, noto anche come Centre Pompidou: questo centro culturale è il posto giusto in cui incontrare persone di tutto il mondo con cui condividere la passione per l’arte e la cultura.

L'inconfondibile struttura del Centre Pompidou. Credits Charles Leonard / Shutterstock
L'inconfondibile struttura del Centre Pompidou. Credits Charles Leonard / Shutterstock
Il cuore di Parigi: l’Île de la Cité

A dominare l’Île de la Cité, questa isoletta sulla Senna, è indiscutibilmente la cattedrale di Notre-Dame. In attesa che riapra al pubblico al termine dei lavori di restauro dovuti al terribile incendio che l’ha colpita nel 2019, osservatela dall’esterno e ammiratene l’architettura gotica. Sulla Rive Gauche, a un centinaio di metri in linea d'aria da Notre-Dame, in Rue de la Bûcherie 37, sorge la storica Shakespeare and Company, una sosta obbligata anche se non siete amanti della lettura. Il fascino di questa libreria, aperta nel 1951 da George Whitman e da allora luogo di ritrovo internazionale, è così potente da renderla uno dei posti che vi faranno innamorare della città.

La vetrina di Shakespeare and Company. Credits Studio Dagdagaz / Shutterstock
La vetrina di Shakespeare and Company. Credits Studio Dagdagaz / Shutterstock
La Tour Eiffel, regina di Parigi

Il monumento più simbolico di Parigi, la Tour Eiffel, costruita nel 1889 in occasione dell’Esposizione Universale, è il posto perfetto in cui celebrare la vostra vacanza. Raggiungetela verso il tramonto e ammiratela dapprima dal basso quando, al calare della sera, si accende di una sfolgorante illuminazione. E, se non soffrite di vertigini, salite fino in cima, alta oltre 312 metri (più un'altra decina di metri di antenne). Da qui, ricordando tutte le emozioni provate in giro per Parigi, non potrete che ammettere che l’animo romantico di questa città ha conquistato anche voi e vi fa battere il cuore.

La Tour Eiffel al tramonto. Credits Catarina Belova / Shutterstock
La Tour Eiffel al tramonto. Credits Catarina Belova / Shutterstock
Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Vale la pena allontanarsi per qualche ora da Venezia per esplorare la quieta bellezza di Pellestrina, una delle isole della Laguna veneta. Questa sottile lingua di terra separa le acque lagunari dal Mar Adriatico e fino a qualche decennio fa era popolata esclusivamente da pescatori e merlettaie. Oggi è molto più comune incontrarvi viaggiatori in cerca di sentieri meno battuti, ma l’isola ha comunque mantenuto il proprio irresistibile aspetto pittoresco.

Idee di viaggio

Le isole Canarie sono un classico del turismo e, forse proprio per questo motivo, una destinazione che non attirava più di tanto la nostra curiosità. Poi l’occasione di una settimana di vacanza a febbraio e la voglia di spezzare l’inverno hanno contribuito alla scelta e così siamo partiti per Tenerife, l’isola più grande dell’arcipelago.

A eccezione della zona sud, frequentata prevalentemente dal turismo di massa, l’isola offre una natura sorprendente, ricca di contraddizioni e singolarità: in poche parole ci ha entusiasmato!