Idee di viaggio

Ragusa, viaggio nella capitale del Barocco siciliano e nei suoi dintorni

Redazione

Redazione

C'è un angolo della Sicilia che regala emozioni barocche, dolci sapori al cioccolato e antiche tradizioni. Facciamo base a Ragusa e andiamo a scoprirle!

Notte su Ragusa Ibla
Notte su Ragusa Ibla
Ragusa, tra Barocco e Montalbano

Posta a monte di una profonda gola, Ragusa è la capitale del barocco siciliano, nonché il capoluogo della provincia più piccola e ricca della Sicilia. Ragusa è composta da due nuclei cittadini: la parte moderna dalle ampie strade e la piccola Ibla, in stile barocco, tutta scalinate, viuzze e piazze irregolari. Un tempo residenza di nobili, membri del clero, artigiani e agricoltori, oggi Ibla è il luogo di ritrovo serale dei giovani.

Ma a Ragusa non mancano opere di architettura moderna, come per esempio l’Ecò Bar (Via Rumor 40), progettato dall’architetto Giuseppe Gurrieri all’interno della vecchia biglietteria di un palazzetto dello sport, nella periferia della città. Nelle località costiere della provincia è stato girato Il commissario Montalbano. La casa del protagonista della serie televisiva si trova a Puntasecca, mentre a Donnalucata si trova il porto della fittizia Vigata. Anche gli edifici barocchi di Scicli e Modica compaiono in diverse puntate.

Ragusa Ibla, trionfo del Barocco
Ragusa Ibla, trionfo del Barocco
Da vedere a Ragusa
  • Duomo di San Giorgio

    La chiesa di Ibla, con la sua facciata e la scalinata, rappresenta un eccellente esempio di barocco siciliano. 

  • San Giorgio Vecchio

    Rovine di una chiesa normanna con un bel portale. Dal parco si apre una splendida vista sulla città e sulla gola.

  • Gelati divini

    Una delle gelaterie più originali dell’isola: provate i gusti più particolari come il gelso, l’arancia rossa o il marsala invecchiato. È anche enoteca. Si trova in Piazza Duomo 20.

Modica al crepuscolo
Modica al crepuscolo
Modica, ode al cioccolato ispano-azteco

L’antica capitale della contea di Modica, il cui territorio coincideva con quello dell’attuale provincia di Ragusa, sorge alla base di due gole carsiche che confluiscono nella piazza principale. Il centro storico è abbarbicato sulle pendici del monte, con stretti vicoli e scalinate, mentre a valle si snodano due viali incorniciati da chiese e palazzi nobiliari. Anche a Modica domina il barocco: i due esempi più preziosi sono le chiese di San Pietro, nella parte bassa, e di San Giorgio, caratterizzata da cinque portali e una maestosa scalinata di 250 gradini.

Nel centro storico si trova la Fattoria delle Torri (Vico Napolitano 14) che propone piatti della cucina siciliana rivisitati in chiave contemporanea.

Modica è conosciuta in tutto il mondo per la produzione del cioccolato, ancora oggi ottenuto secondo una ricetta ispano-azteca del XVI secolo! Corso Umberto è perfetto per farne scorta: da non perdere l’Antica Dolceria Bonajuto, il Laboratorio Dolciario Don Giuseppe Puglisi e Quetzal, una bottega che vende solo prodotti equosolidali. 

 

Una notte magica a Modica

Dormire in un autentico palazzo nobiliare siciliano all’interno di eleganti camere dalle volte affrescate e arredate con mobili d’epoca: a Palazzo Failla (Via Blandini 5) sembra di stare in una scena del celebre film Il Gattopardo.

Il mgnifico castello di Donnafugata
Il mgnifico castello di Donnafugata
Castello di Donnafugata

Il castello, con un grande parco e un labirinto in pietra, è stato ristrutturato nel XIX secolo in stile neomoresco. L’interno è sontuosamente decorato con specchi, affreschi e mobili antichi. Nei locali un tempo adibiti a stalle, si trova oggi la trattoria Al Castello che offre ai clienti una buona cucina tradizionale.

Scicli, un tipico carretto siciliano
Scicli, un tipico carretto siciliano
Scicli, Patrimonio dell'Umanità

La cittadina barocca si estende dal mare alle propaggini meridionali del tavolato ibleo. Dal colle dove sorge la Chiesa di San Matteo, simbolo di Scicli, si distingue perfettamente la forma della cittadina che ricorda quella di un pesce. Palazzo Beneventano, invece, con i suoi mascheroni grotteschi, è stato definito uno dei palazzi barocchi più creativi dell’isola nonché Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Se avete fame, la famiglia Di Tommasi vi darà il benvenuto nel ristorante La Grotta offrendovi piatti interessanti dove ingredienti semplici e creatività si fondono armoniosamente

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

La città conserva un’atmosfera d’altri tempi, ma tanto è immobile la sua architettura medievale, quanto è esuberante e inaspettata la proposta gastronomica e culturale. La realtà è questa: nel Medioevo Asti era la repubblica più potente e ricca del Piemonte, talmente ricca da evitare la distruzione minacciata dall’imperatore Federico Barbarossa semplicemente pagando un riscatto. 

Idee di viaggio

Lisbona è sempre ai primi posti tra le città più amate. In questo articolo vi portiamo a vivere cinque grandi esperienze lontano dalle vie più battute dai turisti.