Idee di viaggio

Ungheria: come celebrare l'arrivo dell'estate

Erika Scafuro

Erika Scafuro

L’Ungheria è una terra capace di sorprendere i suoi visitatori, anche in estate. Vero, non ha sbocco sul mare, ma ha una capitale piena di eventi e un grande lago, il Balaton, perfetto per chi ama la spiaggia, lo sport, ma anche il divertimento e l’enogastronomia.

Budapest, bastione dei pescatori
Budapest, bastione dei pescatori
Budapest: magica atmosfera

Come chi sa mostrarsi con grazia e delicatezza, Budapest svela tutta la sua eleganza senza ostentare. Sembra quasi voler lasciare spazio alla regalità del Danubio, che con il suo fluire divide Buda da Pest, e riconoscergli il valore da Patrimonio Mondiale Unesco. La capitale ungherese vi invita a scoprire i suoi siti storici in tutti i dettagli che la rendono unica, una combinazione armonica di diversi stili. Sarà rigenerante passeggiare lungo la verde e fresca Margitsziget o visitare, a circa 20 km a nord di Budapest, la graziosa cittadina di Szentendre, che mantiene la sua tradizione d’arte con gallerie e musei.

L’abbazia di Tihany vista dal Lago Balaton © Erika Scafuro
L’abbazia di Tihany vista dal Lago Balaton © Erika Scafuro
Una puntata al Lago Balaton

Le prime sponde del Lago Balaton si delineano 120 km a sud ovest di Budapest. Con una superficie di 590 km2, è il più grande lago dell’Europa Centrale. Ha una profondità massima di 12 metri e viene soprannominato il “mare degli Ungheresi”. Ogni estate tantissimi turisti magiari e non solo rispondono al richiamo del suo fascino e delle località che vi sorgono attorno. Fra le più note della provincia di Veszprém ci sono BalatonfüredCsopak e la penisola di Tihany. Meta ideale per una vacanza, il lago è navigabile con barche a vela, piccole imbarcazioni e con il  servizio di traghetti.

Spiagge di Balatonfüred © Erika Scafuro
Spiagge di Balatonfüred © Erika Scafuro
Sport acquatici e non solo: vita attiva sul Balaton

Ogni località turistica affacciata sul Lago Balaton di solito dispone di un accesso alla strand, la spiaggia su cui sdraiarsi, prendere il sole e tuffarsi nelle caldissime acque del lago. Potrete praticare diverse attività sportive alla portata di tutti, come vela, sup, canoa, ma anche la bici. Numerosissimi biker raggiungono questa zona per pedalare lungo i 200 km di pista ciclabile attorno al lago. L’estate qui è soprattutto sinonimo di divertimento, con festival musicali che vedono esibirsi, nelle principali località turistiche, i migliori artisti del panorama internazionale.

Vigneto a Paloznak con vista sul Lago Balaton © Erika Scafuro
Vigneto a Paloznak con vista sul Lago Balaton © Erika Scafuro
Balatonfüred: benvenuti nel cuore dell’enogastronomia

La cittadina di Balatonfüred, sulla costa nord del Lago Balaton, accoglie visitatori e turisti in un contesto moderno dotato di hotel, ristoranti, negozi, due porticcioli, spiagge attrezzate e l’elegante Tagore promenade. Da gustare il popolare velős pirítós da Hatlépcsős, Jókai út 30: una grande fetta di pane tostato guarnita con carne, paprika o altre varianti.

Le colline nei dintorni di Balatonfüred, come quelle di Csopak e Paloznak, sono famose per la cultura vitivinicola ed invitano ad ammirare la stupenda vista sul Balaton degustando un calice di fröccs, il tradizionale vino bianco e soda con cui celebrare l’arrivo dell’estate

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

“Porta d’Oriente”: il soprannome di Otranto si riferisce alla posizione, nel punto più a est d’Italia, e all’aspetto, con casette bianche che sembrano uscite da una fiaba delle Mille e una notte. Nei giorni limpidi, all’orizzonte oltre l’Adriatico, si scorgono le coste dell’Albania. D’estate è una meta turistica molto frequentata grazie al curato centro storico, al famoso castello e alla cattedrale che custodisce preziosi mosaici.

Idee di viaggio

La città conserva un’atmosfera d’altri tempi, ma tanto è immobile la sua architettura medievale, quanto è esuberante e inaspettata la proposta gastronomica e culturale. La realtà è questa: nel Medioevo Asti era la repubblica più potente e ricca del Piemonte, talmente ricca da evitare la distruzione minacciata dall’imperatore Federico Barbarossa semplicemente pagando un riscatto.