Itinerari

Gran Canaria: tour in quattro mosse

Diana Facile

Diana Facile

Sognate un bel viaggio a Gran Canaria e vi state chiedendo quali mete inserire nella vostra to do list? Ecco un bel po’ di idee raccolte per noi da Diana Facile, blogger di LaGlobetrotter.it, che in pochi giorni è riuscita a distillare un concentrato di esperienze sorprendente! Seguitela e mettetevi in viaggio con la nostra guida nello zaino.

Una settimana a Gran Canaria non mi è bastata a visitarla tutta, ma io sono la tipica viaggiatrice rilassata, che si prende il tempo di vivere a pieno anche i momenti più insignificanti. A volte, però, i giorni possono essere un po’ contati, e allora una buona lista delle cose da non perdere sarà di grande aiuto. Così, ecco questo mio road trip a Gran Canaria in quattro step, adatto anche a chi ama correre veloce, come in Formula Uno, ma senza perdersi i cosiddetti must! A proposito di auto: una macchina a noleggio a Gran Canaria può costare meno di una cena in una pizzeria milanese!

Las Palmas de Gran Canaria, una tavolozza di colori
Las Palmas de Gran Canaria, una tavolozza di colori
Maspalomas, tra dune e movida

Partite dal sud dell’isola, la parte decisamente più turistica e gettonata. Belle spiagge, clima piacevole 365 giorni l’anno e una movida notturna piuttosto animata. Oltre a essere nota per le sue dune che non sono – come molti erroneamente credono – un prolungamento del deserto del Sahara, Maspalomas è la località in cui si concentrano i resort più esclusivi e i ristoranti più rinomati dell’isola.

Il Roque Nublo con il vulcano Teide tra le nuvole © Diana Facile – LaGlobetrotter.it
Il Roque Nublo con il vulcano Teide tra le nuvole © Diana Facile – LaGlobetrotter.it
Roque Nublo, il totem

Lasciatevi Maspalomas alle spalle e prendete la Ruta GC-60, superate San Bartolomé de Tirajana e guidate per un’altra ora circa fino a raggiungere il Roque Nublo, uno dei simboli di Gran Canaria. È un enorme monolito che svetta per ottanta metri sul paesaggio vulcanico dell’isola. Disponendo di un po’ di tempo in più, questa parte di Gran Canaria – che coincide grosso modo con il centro dell’isola – si presta a ottimi trekking, a piedi o in bicicletta. Siamo intorno ai 2.000 metri d’altezza per cui occhio alle temperature! Una felpina non fa certo male, anzi…

Il villaggio di Teror e uno dei suoi balconi © Diana Facile – LaGlobetrotter.it
Il villaggio di Teror e uno dei suoi balconi © Diana Facile – LaGlobetrotter.it
Teror, la città dei balconi

Pronti a riprendere la strada? State per entrare nell’emisfero nord di Gran Canaria. Superata Tejeda, il paesaggio cambia radicalmente e si passa dal mondo “minerale” al mondo “vegetale”. Attraverso questo scenario in mutamento fate una breve sosta a Teror, il cui aspetto non ha nulla a che vedere con il suo nome. Il villaggio è noto come “la città dei balconi”. Dalla piazza principale su cui si erge l’ottocentesca basilica Nuestra Señora del Pino parte una strada, calle Real de la Plaza, su cui si affacciano splendide dimore dall’architettura coloniale con i balconi in legno. Solitamente quasi deserto, Teror si anima la domenica mattina durante il mercato settimanale. Fateci un salto e provate alcune delle specialità locali. La cucina qui è fantastica, come racconto – tra le altre cose – nel mio blog.

Las Palmas: un giro tra i vicoli

Da Teror, la strada scende lentamente verso il litorale fino a raggiungere Las Palmas de Gran Canaria, capitale o capoluogo che dir si voglia – dell’isola. La prima cosa che consiglio di fare appena arrivati è visitare Vegueta, centro storico di Las Palmas. È un quartiere molto caratteristico: non perdete una passeggiata lungo i suoi vicoli ammirando la tipica architettura isolana. La giornata sarà quasi giunta al termine, ma prima di riprendere la strada per tornare a Maspalomas fatevi un giro a Las Canteras, animata sia di giorno che di notte in un susseguirsi di bar, ristoranti e pub frequentati da turisti e locali.

E soprattutto, ¡qué lo disfruten! Buon divertimento!

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Itinerari

L’Umbria è una regione molto conosciuta per il suo forte legame con il Medioevo: le sue città principali sono tutte di stampo medievale e le vie impervie e strette lo testimoniano. L’Umbria è la regione culla del monachesimo: fu proprio qui che si svilupparono i primi conventi con San Benedetto e che nacque il movimento francescano. Assisi ne è l’esempio più lampante. C’è tantissima storia in Umbria e, spesso e volentieri però, non ci si spinge un po’ più alle radici delle comunità umane in questa regione. L’Umbria è regione etrusca, ma ha vissuto un grosso sviluppo in epoca romana.

Itinerari

Benvenuti in Etruria, la storica regione dell’Italia centrale per tradizione compresa tra i fiumi Arno e Tevere dove si sviluppò e visse la civiltà etrusca.