Itinerari

Viaggio a Genova: il magico anello dei forti

veronica-meriggi

Veronica Meriggi

A Genova per una volta non guardate il mare: giratevi verso i monti e vedrete i resti di alcune fortificazioni difensive antichissime. Scopriamole percorrendo un itinerario che regala sorprendenti panorami a 360° sulle vallate e sul mare.

Genova, Porta Soprana: vestigia delle antiche mura
Genova, Porta Soprana: vestigia delle antiche mura
L'importanza storica dei forti di Genova

Forti di Genova, per la maggior parte oramai distrutti, sono il risultato di ben sette cinte murarie edificate nel corso dei secoli per difendere la città dagli attacchi provenienti principalmente da Nord. La loro prima costruzione risale a più di mille anni fa e ancora oggi è possibile scorgere nel centro cittadino i resti di queste antiche mura appartenenti alle prime fortificazioni. Ciò che è giunto fino ai giorni nostri sono le fortificazioni che furono erette da metà Settecento in poi per osservare le vallate circostanti dall’alto dei crinali.

Genova: Forte Sperone e scie di aerei
Genova: Forte Sperone e scie di aerei
Il parco urbano delle mura

Il Parco Urbano delle Mura di Genova offre la possibilità di visitare numerose strutture difensive militari di fondamentale importanza storica per la città. Tra queste, oltre alla Lanterna che, in quanto simbolo cittadino, è senza dubbio la più famosa, è possibile imbattersi in mura, fortezze e torri. I Forti di Genova rappresentano la cinta muraria più lunga d’Europa e la seconda al mondo, superata solamente dalla Grande Muraglia Cinese. Le prime fortificazioni risalgono al 1600, quando furono edificati più di 12 km di mura tutto attorno alla città.

Genova, verso Forte Diamante
Genova, verso Forte Diamante
Forte diamante

Uno dei forti più famosi della cinta difensiva di Genova è senza dubbio Forte Diamante, il quale prende il nome dalla cima del monte su cui venne costruito. Con i suoi 624 metri sul livello del mare, domina le vette circostanti e osserva dall’alto la Val Polcevera e la Val Bisagno. Questa sua posizione strategica si rivelò nei secoli di fondamentale importanza per difendere la città dalle incurisoni provenienti dal Nord. Oggi è possibile raggiungerlo a piedi percorrendo la caratteristica salita a tornanti che lo contraddistingue.

L'itinerario ad anello

È possibile visitare i Forti di Genova percorrendo un itinerario ad anello raggiungibile da tre punti. Generalmente si parte dell’osservatorio del Righi in quanto è facilmente raggiungibile sia in funicolare che in macchina. In alternativa è possibile partire da Trensasco, raggiungibile in macchina o prendendo il trenino Genova-Casella, oppure partendo dal paese di Begato. Si tratta di un itinerario percorribile in circa 4 ore che permette di scoprire in successione Forte Sperone, Forte Puin, Forte Fratello Minore e Forte Diamante. Tra tratti pianeggianti, erte salite e altrettanto ripide discese, questo percorso regala meravigliosi panorami sul mare, sulla città di Genova e sulle vallate che la circondano.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Itinerari

L’Umbria è una regione molto conosciuta per il suo forte legame con il Medioevo: le sue città principali sono tutte di stampo medievale e le vie impervie e strette lo testimoniano. L’Umbria è la regione culla del monachesimo: fu proprio qui che si svilupparono i primi conventi con San Benedetto e che nacque il movimento francescano. Assisi ne è l’esempio più lampante. C’è tantissima storia in Umbria e, spesso e volentieri però, non ci si spinge un po’ più alle radici delle comunità umane in questa regione. L’Umbria è regione etrusca, ma ha vissuto un grosso sviluppo in epoca romana.

Itinerari

Benvenuti in Etruria, la storica regione dell’Italia centrale per tradizione compresa tra i fiumi Arno e Tevere dove si sviluppò e visse la civiltà etrusca.