Lifestyle

Le migliori città per lo shopping

Redazione

Redazione

Fare shopping è uno dei piaceri più grandi quando si viaggia. Da Londra a New York, le nostre idee per assaporarlo al meglio.

Londra
Londra
Londra: atmosfera sontuosa

Lo shopping è uno dei grandi piaceri di ogni soggiorno londinese, anche perché non c’è nulla che non si possa trovare in questa città. L’unica nota dolente sono i prezzi elevati, ma durante i saldi di fine stagione, all’inizio di gennaio e di luglio, o durante i mid-season sales si possono concludere buoni affari.

Una dritta di grande livello? La catena australiana Westfield, presente a Londra con ben due enormi centri commerciali, a West London e a Straford City (East london), ciascuno con circa 350 negozi. All’estremo opposto trovate i pop-up shops (outlet temporanei).

Le migliori passeggiate per guardare le vetrine delle boutique si fanno in Bond Street e Sloane Street, mentre Notting HillRedchurch Street e Cheshire Street nell’East End sono le zone dei negozi più originali. Dagli anni ’60, King’s Road è una delle vie dello shopping preferite dai londinesi, anche se la più famosa rimane Oxford Street. Qui hanno sede molti grandi magazzini che offrono i marchi degli stilisti più conosciuti riuniti in un unico edificio.

Curiosi di conoscere i gusti per lo shopping dei londinesi al tempo della regina Vittoria? Al Museum of London potrete scoprirlo passeggiando lungo una via di negozi dell’epoca.

Macaron, Parigi
Macaron, Parigi
Parigi: una sfilata continua

Parigi è un tripudio di specialità gastronomiche, Champagne e altri prodotti di lusso ostentati a ogni angolo di strada e in grandi quantità. Per questo motivo vi ritroverete quasi senza accorgervene a mettere spesso mano al portafoglio. Anche perché Parigi offre il meglio in ogni settore e chi sa dove cercare conclude sempre ottimi affari.

A prescindere dagli acquisti, anche una semplice passeggiata tra i santuari del consumismo, le gallerie e le vie dello shopping, il lèche vitrines, come lo chiamano i francesi, è divertente. Che si tratti delle boutique dell’alta moda in Rue du Faubourg Saint-Honoré o delle colorate bancarelle di frutta e verdura di un mercato, non fa differenza.

Voglia di shopping al coperto? I centri commerciali e le gallerie (passages) sono numerosi. Approfittatene in caso di brutto tempo. Interessante anche dal punto di vista architettonico è il Carrousel du Louvre, i cui negozi sono aperti anche la domenica.

Madrid: per tutti i gusti

La via più rinomata del centro storico per i negozi di abbigliamento è Calle de Fuencarral. Poi tirate dritto fino al termine di Calle Augusto Figueroa per le scarpe. Boutique e piccole botteghe si trovano numerose nelle viuzze di Chueca e Malasaña, mentre le grandi catene, come i famosi marchi spagnoli Zara, Mango e Springfield hanno alcuni punti vendita sulla Gran Vía. Chi vuole dedicarsi agli acquisti nei negozi griffati di prima classe deve puntare su Calle de Serrano e sulle sue strade laterali, nel Barrio Salamanca.

Non siete ancora stanchi di fare acquisti? Cercate capi d’abbigliamento, cosmetici, mobili, specialità gastronomiche e cinema tutto sotto lo stesso tetto? Potete trascorrere ore e ore al Príncipe Pío, il più grande centro commerciale nel cuore cittadino.

New York City
New York City
New York: evoluzione senza fine

Fare shopping potrebbe addirittura essere il motivo principale di un viaggio a New York, sempre che si abbiano a disposizione tempo e denaro a sufficienza. Per chilometri lungo la Madison e la Fifth Avenue si alternano le filiali di prestigiose griffe, stilisti internazionali e grandi magazzini di lusso. Tra questi anche gli americani Calvin Klein e Ralph Lauren. Prima SoHo e Chelsea, ora il Meatpacking District: i quartieri più vicini a Manhattan si trasformano in zone super chic.

Il Lower East Side e Park Slope a Brooklyn non tarderanno a imitarli. A nord di Little Italy, nel labirinto di strade chiamato NoLIta, composto da Spring, Mott ed Elizabeth Street, si è insediata l’ultima generazione di yuppie. Sul Lower East Side si è formato il LuStO, che comprende i tratti stradali Ludlow, Stanton e Orchard. Dove un tempo i commercianti ebrei offrivano le loro shmatte (vestiti), vivono ora diversi stilisti.

Il riferimento assoluto tra i grandi magazzini? Un paradiso in cui perdersi è Macy’s, un’istituzione così come la Macy’s Parade del 4 luglio, un imperdibile spettacolo di classe con palloncini gonfiabili di dimensioni gigantesche e cheerleader danzanti.

Lisbona: riti d'altri tempi

A Lisbona esistono negozietti d’altri tempi rimasti impermeabili alla modernità. Molti dei negozi più tradizionali si riconoscono dai ciottoli neri sulla pavimentazione del marciapiedi antistante, che riportano nome e indirizzo dell’attività. Di solito sono gestiti dalla stessa famiglia da generazioni e i titolari sono dei veri e propri maestri nel loro mestiere. Qui la fretta non esiste e anche l’acquisto di un solo bottone può richiedere una lunga e attenta consultazione. Una volta trovato quel che si cerca, la merce viene poi impacchettata con grande cura e dedizione, una pratica che in portoghese si indica con il termine embrulhar. Siate pazienti!

Un tuffo nella local life? Unitevi ai lisboeti che amano ir as compras (fare spese): tra le torri postmoderne dell’Amoreiras e il Centro Comercial Colombo vi aspettano negozi raffinati ed eleganti vetrine.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Lifestyle

Edimburgo ha un fascino tutto suo, irresistibile dal mio punto di vista. Le sue viuzze strette e acciottolate riportano indietro nel tempo e la storia si respira ancora dietro ogni angolo. Se ti trovi in città e non sai dove mangiare, avrai solo l’imbarazzo della scelta tra locali più moderni e pub antichi che hanno tanto da raccontare a chi è curioso. Scopriamo 5 top pub dove mangiare nella splendida capitale scozzese.

Lifestyle

Lisbona fa rima con saudade: quella dei suoi abitanti e quella dei viaggiatori che devono lasciarla. Perché Lisbona non è solo una splendida capitale europea, bensì uno stato d’animo che ha percorso l’Atlantico secoli or sono, permeando di sé il Brasile. Vagare sulla Calçada Portuguesa, il tipico acciottolato bianco e nero che forma veri e propri quadri da calpestare, significa farsi prendere da questa nostalgia intraducibile.