Lifestyle

Viaggi in inverno: 10 deliziose idee low cost e al femminile

Selene Scinicariello

Selene Scinicariello

Siete alla ricerca di una meta per il vostro prossimo viaggio? Ecco 10 idee dedicate alle donne per una fuga invernale perfetta!

In Italia

Per una breve fuga invernale non c’è niente di meglio che un weekend in una bellissima città italiana. Partendo da sud per arrivare al nord, ecco quali sono, secondo me, 5 mete low cost adatte a una viaggiatrice

Palermo, Palazzo dei Normanni
Palermo, Palazzo dei Normanni
1. Palermo

Elegante, vivace e affascinante, Palermo è in grado soddisfare le esigenze di qualsiasi tipo di viaggiatrice. La sua combinazione di stili architettonici è il segno della serie innumerevole di civiltà che qui si sono susseguite e che hanno contribuito a renderla una città dai mille volti. Cupole arabe, chiese barocche, palazzi in stile liberty, teatri storici e rumorosissimi mercati si nascondono a ogni angolo di una città che, come una donna, si svela complessa al visitatore che non può che innamorarsene perdutamente.

Le cose da non perdere assolutamente? La visita all’immensa Cattedrale e al Palazzo dei Normanni per rimanere affascinate dalla ricchezza e dallo splendore. Una volta fuori, poi, non può mancare un giro al Mercato Storico di Ballarò per sporcarsi le mani mangiando un pani câ meusa, un’arancina o una cassata per le più golose! Se vuoi scappare dal freddo del Nord Italia, Palermo è la meta perfetta per ritrovare temperature miti anche durante l’inverno.

2. Foggia

Foggia è una città poco conosciuta dal turismo ed è per questo che la consiglio a tutte quelle viaggiatrici intraprendenti che hanno voglia di scoprire qualcosa di nuovo e particolare.

Centro amato da Federico II, Foggia nasconde scorci unici nel suo sottosuolo: con una passeggiata negli Ipogei si può ammirare la città che era un tempo, prima del terribile terremoto del 1731.

Le scoperte non finiscono qui e tra le sue Chiese si percepisce il fervore religioso che da sempre anima la sua popolazione. Da visitare assolutamente sono la Chiesa della Beata Maria Vergine Assunta in Cielo e la Chiesa di San Giovanni Battista dove, subito dopo il terremoto, apparve a Sant’Alfonso l’Iconavetere, la Madonna dei Sette Veli.

Nelle giornate un po’ più fredde, invece, si può approfittare per gustare un piatto di orecchiette al sugo “della domenica” e le cartellate, il tipico dolce natalizio della zona, una vera prelibatezza! Sfruttando le belle giornate invernali, Foggia è anche un ottimo punto di partenza per visitare il Gargano e i suoi bellissimi borghi.

Napoli, meraviglia dei quartieri spagnoli
Napoli, meraviglia dei quartieri spagnoli
3. Napoli

Le antiche leggende narrano che Napoli sia nata dalla Sirena Partenope, il cui corpo, ritrovato dai pescatori in prossimità del luogo dove oggi sorge Castel dell’Ovo, si trasformò nell’attuale conformazione del territorio su cui sorge la famosa città campana.

Una città-donna, insomma. Una vera e propria sfida. Difficile e contradditoria, Napoli è una città che va vissuta e assaporata. Partite dalla visita alla Cappella Sansevero per ammirare il Cristo Velato, fino ad arrivare all’immensità di Piazza Plebiscito, senza dimenticare di immergervi nella Napoli Sotterranea e poi in quella che viene considerata la stazione della metropolitana più bella d’EuropaToledo.

Sopra e sotto, le due facce di una città incredibilmente meravigliosa e terribilmente complicata. Non dimenticatevi di fermarvi per un’ottima pizza, magari nei dintorni di Spaccanapoli per poi immergervi nell’allegra atmosfera di San Gregorio Armeno e dei suoi variopinti presepi.

Finalborgo, ingresso fiorito © Viaggi che mangi
Finalborgo, ingresso fiorito © Viaggi che mangi
4. Finale Ligure

Si sale al nord per andare in Liguria, terra dal clima mite anche in inverno. Questa volta, invece che una città, vi consiglio la deliziosa Finalborgo, nel comprensorio di Finale Ligure.

Stradine di pietra, piccole enoteche nascoste tra i vicoli, una passeggiata fino al Forte San Giovanni in un pomeriggio dal cielo terso e, infine, una sosta golosa per assaggiare i celebri chifferi di Finalepiccoli dolci di mandorla delicatissimi. Durante il periodo natalizio, poi, l’atmosfera si fa ancora più magica grazie al Villaggio di Natale!

5. Padova

L’ultimo dei viaggi low cost invernali in Italia che consiglio alle lettrici di Marco Polo è un weekend a Padova. La città veneta è spesso trascurata da coloro che pensano a questa Regione associandola solamente a Venezia.

Padova è il luogo perfetto per rilassarsi bevendo uno Spritz ammirando il Palazzo della Ragione o camminando tra i banchi del Mercato in Piazza delle Erbe o, ancora, passeggiando all’interno del meraviglioso Orto Botanico.

In giro per il mondo

Lasciando lo stivale, senza allontanarsene troppo, ecco 5 idee per un viaggio low cost invernale in Europa e dintorni. Tra profumi orientali e street food, troveranno suggestioni interessanti sia le amanti dell’eleganza, sia giovani donne in cerca di allegria e divertimento.

Marrakech Djemaa El Fna
Marrakech Djemaa El Fna
1. Marrakech

Affacciato sul Mediterraneo, proprio lì, di fronte all’Europa, il Marocco è una meta perfetta per trascorrere qualche giorno al caldo durante l’inverno. I colori di Marrakech sono perfetti per farsi scattare ottime foto ricordo e i magnifici riad trasportano dritti al cuore di un’antica fiaba. Giardini segreti, palme, ma anche vicoli stretti, forti odori di spezie e magnifici ristoranti terrazzati per godere di un cielo indimenticabile gustando una tajine: questa è Marrakech!

Berlino, da scoprire oltre i suoi totem
Berlino, da scoprire oltre i suoi totem
2. Berlino

Spingiamoci a nord per andare alla scoperta di Berlinovivace città adatta a giovani donne curiose che vogliono perdersi in un centro dalla storia moderna e in continuo cambiamento. Il fermento artistico, culturale e creativo della città lo si respira semplicemente camminando tra le sue strade, entrando nei suoi musei o nei suoi celebri club.

Da non perdere assolutamente l’Isola dei Musei, la Torre delle Televisione, la Porta di Brandeburgo e l’East Side Gallery, un vero e proprio museo a cielo aperto. Per le più golose il suggerimento è quello di assaggiare il currywurst, il tipico street food berlinese. Mentre per le amanti della vita notturna da non perdere assolutamente le belle discoteche della capitale tedesca e se si cerca qualcosa di particolare, la Teledisko è perfetta: è la discoteca più piccola del mondo e si trova dentro a una cabina telefonica!

Madrid, notte in arrivo sulla Gran Via
Madrid, notte in arrivo sulla Gran Via
3. Madrid

Un’altra città vivace, allegra e low cost è Madrid. La capitale spagnola in inverno è una tappa da tenere in considerazione se si vuole trascorrere un Capodanno tra la gente a Puerta del Sol mangiando chicchi d’uva al rintocco delle campane o se si vuole assistere all’emozionante parata dei Re Magi il 6 Gennaio.

Come Berlino anche Madrid è una meta perfetta per giovani donne che desiderano visitare bellissimi musei (da non perdere il Prado, il Reina Sofia e il Thyssen – Bornemisza), rilassarsi con una passeggiata al Parque del Retiro e mangiare alle ore più improbabili tapas o un bocadillo con calamares, il tipico street food madrileno.

In giro per Zagabria © Viaggi che mangi
In giro per Zagabria © Viaggi che mangi
4. Zagabria

Ci spostiamo a Est per visitare la capitale croata, una città non troppo battuta da un turismo che preferisce dedicarsi alle coste della Croazia e farlo durante l’estate. Zagabria è una città vivace e in fermento, lo dimostrano i suoi locali alla moda e la magnifica street art che colora il centro nei suoi angoli più nascosti.

La giornata non può non partire che con un giro al mercato di Dolac per poi continuare tra i musei cittadini e terminare in uno dei tanti bar sulla Tkalčićeva, la via più popolare della città. Per pranzo o per cena non dimenticatevi di assaggiare gli strukli, un piatto elegante e delicato che assomiglia ai nostri cannelloni ripieni, però, di formaggio e panna acida. Tra i musei più particolari? Il Museo delle Relazioni Interrotte, una mostra curiosa con cui si riflette sulla fine di una storia.

Sofia, splendore della Cattedrale di Aleksandăr Nevski
Sofia, splendore della Cattedrale di Aleksandăr Nevski
5. Sofia

Andiamo ancora più a Est e arriviamo a Sofia, la capitale della Bulgaria e l’ultima delle mete per un viaggio low cost in inverno che ho deciso di consigliarvi. Nostalgica e affascinante, Sofia è stretta tra la voglia di andare avanti e un passato ancora molto presente scritto nelle architetture del centro città e della sua periferia.

Il contrasto tra la bellezza imponente della Cattedrale di Aleksandăr Nevski e il grigiore dei molti edifici in stile sovietico è marcato, forte, ma quasi mai disturbante.

Oltre alle numerose chiese ortodosse, si trovano ancora una moschea e una sinagoga: in quella che è una delle più antiche città d’Europa si sono incontrati popoli da ogni dove. Oggi questo crogiolo di culture si ritrova nei profumi e nei sapori di una cucina tipica dal gusto inconfondibile. In una serata invernale, un kavarma, uno stufato di carne, scalderà il cuore e aprirà la mente verso i nuovi orizzonti di un Paese che da pochi anni è entrato nell’Unione Europea.

Sofia è una città audace proprio come la statua che ritrae Santa Sofia in centro: quelle sue forme prosperose, scatenarono l’indignazione di molti! La capitale bulgara piacerà di certo alle donne intraprendenti che non temono il giudizio degli altri e che seguono la propria strada curiose di scoprire cosa riserva il cammino…

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Lifestyle

Edimburgo ha un fascino tutto suo, irresistibile dal mio punto di vista. Le sue viuzze strette e acciottolate riportano indietro nel tempo e la storia si respira ancora dietro ogni angolo. Se ti trovi in città e non sai dove mangiare, avrai solo l’imbarazzo della scelta tra locali più moderni e pub antichi che hanno tanto da raccontare a chi è curioso. Scopriamo 5 top pub dove mangiare nella splendida capitale scozzese.

Lifestyle

Lisbona fa rima con saudade: quella dei suoi abitanti e quella dei viaggiatori che devono lasciarla. Perché Lisbona non è solo una splendida capitale europea, bensì uno stato d’animo che ha percorso l’Atlantico secoli or sono, permeando di sé il Brasile. Vagare sulla Calçada Portuguesa, il tipico acciottolato bianco e nero che forma veri e propri quadri da calpestare, significa farsi prendere da questa nostalgia intraducibile.