Lifestyle

Viaggio sui migliori tram del mondo

Redazione

Redazione

Con il loro sferragliare cadenzato accompagnano le vite degli abitanti delle grandi città: parliamo di tram. Eleganti e un filo anacronistici, compagni di viaggio splendidi, anche quando non sono in orario. Ecco i nostri preferiti.

Torino, il tram 7 in Piazza Castello
Torino, il tram 7 in Piazza Castello
Torino, la magia del numero 7

Sono bellissimi e li vedrete girare confidenti e tirati a lucido per le strade di uno dei centri barocchi più belli d’Europa. In giro per Torino i tram storici sono ormai una costante, anche per i turisti. Si prende amorevole cura di loro l’Associazione Torinese Tram Storici (ATTS). Ritagliatevi un po’ di tempo e fate un giro sulla linea 7, giustamente definita un ‘museo in movimento’.

San Francisco, un’ardua ascesa
San Francisco, un’ardua ascesa
San Francisco, gran tiro alla fune!

Sono uno dei simboli più belli di una delle città più belle del mondo… e vi sembra poco? Parliamo dei mitici cable cars di San Francisco, così chiamati perché funzionato grazie alla trazione di un cavo annidato nell’asfalto. Il motivo? Semplice, per superare le vertiginose pendenze delle strade, che qui sono tutte un sali e scendi. Attraversare ChinatownFisherman’s Wharf e altri quartieri a bordo di uno di questi mezzi storici: ecco un modo fantastico per scoprire la City by the Bay.

 Milano, uno dei suoi tram storici
Milano, uno dei suoi tram storici
Milano, fate le cose in grande

Un po’ come l’ossobuco o l’opera alla Scala… i tram storici, gialli e foderati di legno lucido sono uno dei simboli della milanesità. Girare una città che sa unire prospettiva storica e vocazione per il cambiamento è un’emozione unica. I tour migliori durano un paio d’ore e hanno un prezzo importante (poco meno di 30 euro), ma le guide preparate vi spiegheranno tutto della città. Farete le cose in grande e quando scenderete non potrete che dire: Milan l’è semper on gran Milan.

 Praga, in giro per il centro
Praga, in giro per il centro
Praga, un tram chiamato nostalgia

Un modo panoramico per ammirare una delle città più scenografiche del mondo? Non vi stiamo parlando dell’ultimo modello di drone, ma del tram n. 22 di PragaTeatro Nazionale, il Castello, Pohořelec: lungo il suo tragitto non manca nulla. Nei weekend e nei festivi da marzo ad aprile è in servizio anche lo storico tram 91. Lo chiamano anche tram della nostalgia, forse perché ha i suoi anni, anche se non li dimostra, forse perché sa così tanto di Europa pre ’89…

Il bondinho di Rio de Janeiro
Il bondinho di Rio de Janeiro
Rio de Janeiro: sul Bondinho de Santa Teresa

La tram-mania non si ferma nei confini della vecchia Europa… le rotaie della passione hanno superato l’Atlantico e le troviamo anche in Sud America, per la precisione nella Ciudad Maravilhosa. A fine Ottocento il Brasile aveva molte ricchezze a disposizione e così fu uno dei primi paesi al mondo a dotarsi di una rete tramviaria moderna. L’esperienza da non perdere? Fare un giro sul Bondinho de Santa Teresa: magia carioca allo stato puro. Perché Bondinho? Perché in Brasile i tram si chiamano bonde, dall’inglese bond (azione). In questo sito ben fatto e dedicato ai tram scoprirete perché.

 Lisbona, in giro con sua maestà il tram 28
Lisbona, in giro con sua maestà il tram 28
Lisbona, il miglior giro turistico

Lo abbiamo lasciato per ultimo, ma solo per goderci un po’ l’attesa di aspettarlo. Sì, perché forse è lui la grande star di questa top list. È lui, il tram 28 di Lisbona, il grande totem di viaggio in grado di attirare i viaggiatori, che non vedono l’ora di salire a bordo e girare per le strade di Lisbona a bordo delle sue carrozze gialle. Se state cercando il miglior giro turistico di Lisbona, è al tram 28 che dovete rivolgervi.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Lifestyle

Sono passati dieci anni dal debutto in Italia delle prime guide e carte stradali Marco Polo pubblicate da EDT. Dieci anni caratterizzati da grandi trasformazioni, innumerevoli viaggi, momenti di felicità spensierata e giorni difficili, come quelli che speriamo di lasciarci presto alle spalle. Una cosa per noi non è mai cambiata: la voglia di essere negli zaini dei viaggiatori curiosi e attenti, ben forniti di energia, entusiasmo e desiderio di scoprire il mondo divertendosi.