Idee di viaggio

Algarve: le esperienze di viaggio imperdibili

L’Algarve è considerato una delle destinazioni di viaggio più interessanti del Portogallo. Questa top list vi spiegherà perché.

Algarve, colori mozzafiato
Algarve, colori mozzafiato
Praia da Falésia

Le spiagge di sabbia e i massicci rocciosi color ruggine che si susseguono a perdita d’occhio sono uno dei luoghi preferiti dagli amanti del sole. 5 km a est di Albufeira, davanti a pareti rocciose color ruggine che creano un contrasto sorprendente con l’azzurro del mare, si estende una delle spiagge più belle dell’Algarve, perfetta per passeggiare tra boschetti di pini ed erba cristallina.

Lagos, una storia meravigliosa

Le belle piazze e le graziose stradine testimoniano un passato ricco di storia. La città (30.000 abitanti) alla foce del Rio Bensafrim ha una lunga storia alle spalle. Il suo porto infatti, era già utilizzato da Greci e Romani e nel XV secolo divenne un crocevia internazionale da cui salpavano e a cui tornavano le navi cariche d’oro e avorio dei primi navigatori che costeggiavano le terre africane. Oggi la principale fonte di guadagno è il turismo. La marina, i resti delle mura, le vicine spiagge, il suggestivo centro storico con piazze e viuzze fanno di Lagos un luogo unico, armonioso e omogeneo.

Ponta da Piedade, e non vorrete più andarvene
Ponta da Piedade, e non vorrete più andarvene
Ponta da Piedade: sentieri avventurosi

Le formazioni rocciose, le gallerie e le porte naturali di queste grotte disegnano un bizzarro profilo costiero. La punta di terra a sud di Lagos è a dir poco meravigliosa: è piena di grotte e si allunga su un mare luccicante sempre sorvolato dai gabbiani. Dai a sentieri lungo la costa si gode di una splendida vista sugli scogli, mentre le vicine baie e le gite in barca attraverso le anse e le cavità naturali offrono altre prospettive interessanti.

Cabo de São Vicente, fantastico approdo
Cabo de São Vicente, fantastico approdo
Cabo de São Vicente, un faro leggendario

Paesaggio frastagliato, venti sferzanti e onde fragorose: le forze della natura imperversano intorno a questa punta di terra. Qui si trova il celebre Cabo de São Vicente, spesso ventoso e con un parcheggio vicino al a faro. Sul raccordo da Sagres potete fare tappa a Praia do Beliche. Questo magnifico litorale apprezzato anche dagli appassionati di surf è un po’ nascosto; dal parcheggio dovete prendere una scala per raggiungerlo.

Costa Vicentina: bella e selvaggia

La costa più selvaggia della regione inizia a nord del Cabo de São Vicente e nasconde incantevoli litorali. Romantiche e selvagge, aspre e a tratti deserte: sono le chilometriche spiagge che si estendono a nord del Cabo de São Vicente fino alle propaggini costiere dell’Alentejo e che fanno parte della zona protetta del Parque Natural do Sudoeste Alentejano e Costa Vicentina, ricca di alberi di eucalipto, pini e agavi. Le spiagge sono a tratti interrotte da imponenti scogliere.

Igreja da Misericórdia, nel blu dipinto di blu
Igreja da Misericórdia, nel blu dipinto di blu
Tavira: capolavoro in blu

L’accogliente atmosfera della città si respira soprattutto sulla passeggiata lungofiume e nei dintorni della centrale Praça da República. In fondo a Rua da Galeria si erge quella che da molti è considerata la chiesa rinascimentale più bella dell’Algarve, la Igreja da Misericórdia: i magnifici azulejos blu e bianchi che decorano le pareti interne e il retablo dorato sono a dir poco meravigliosi. Talvolta vi si tengono concerti di musica dal vivo.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Vale la pena allontanarsi per qualche ora da Venezia per esplorare la quieta bellezza di Pellestrina, una delle isole della Laguna veneta. Questa sottile lingua di terra separa le acque lagunari dal Mar Adriatico e fino a qualche decennio fa era popolata esclusivamente da pescatori e merlettaie. Oggi è molto più comune incontrarvi viaggiatori in cerca di sentieri meno battuti, ma l’isola ha comunque mantenuto il proprio irresistibile aspetto pittoresco.

Idee di viaggio

Le isole Canarie sono un classico del turismo e, forse proprio per questo motivo, una destinazione che non attirava più di tanto la nostra curiosità. Poi l’occasione di una settimana di vacanza a febbraio e la voglia di spezzare l’inverno hanno contribuito alla scelta e così siamo partiti per Tenerife, l’isola più grande dell’arcipelago.

A eccezione della zona sud, frequentata prevalentemente dal turismo di massa, l’isola offre una natura sorprendente, ricca di contraddizioni e singolarità: in poche parole ci ha entusiasmato!