Idee di viaggio

Cala Tre Buchi: meraviglia a Monopoli

Valentina Madonia

Valentina Madonia

Uno dei fiori all'occhiello della Puglia è senza dubbio il suo mare, incredibilmente cristallino ed apprezzato da milioni di turisti ogni anno: organizzare una vacanza nella regione significa godere di alcune fra le località e le spiagge più belle della penisola. Monopoli è tra queste: una città che grazie al suo incantevole borgo bianco e al suo litorale di 15 chilometri, caratterizzato da meravigliose cale e distese di sabbia, sta vivendo un periodo di incredibile successo turistico.

Un'esperienza autentica nel mare pugliese

Una delle calette più particolari e suggestive da esplorare a Monopoli è Cala Tre Buchi, il cui nome deriva dalle tre piccole grotte presenti nella zona circostante. Questa caletta vi consentirà di vivere un'esperienza autentica a stretto contatto con la natura, in quanto ad attendervi troverete "solo" delle imponenti formazioni rocciose, un mare dalle acque incredibilmente limpide e una piccola spiaggetta di sabbia.

Monopoli, vocazione balneare. Credits Zigres / Shutterstock
Monopoli, vocazione balneare. Credits Zigres / Shutterstock

Ciò che rende speciale Cala Tre Buchi – oltre agli elementi già citati – è poi il fatto che accedervi non è affatto semplice. Si può scegliere, infatti, di scendere dalle rocce attraverso un percorso abbastanza ripido e sicuramente non adatto a tutti, oppure di raggiungerla via mare, camminando nell'acqua bassa (in alcuni punti avrete comunque bisogno di tenere sollevati borse e oggetti vari, poiché l'acqua vi arriverà all'altezza del petto).

Da Cala Tre Buchi alla Scaletta

Si sa, tutto ciò che costa fatica regala poi una ricompensa più generosa, e anche in questo caso è possibile constatare la veridicità di questo vecchio adagio. Accanto a Cala Tre Buchi è presente un'altra piccola spiaggia chiamata La Scaletta, poiché per raggiungerla occorre percorrere a piedi un tratto sterrato e successivamente scendere tramite una scala verso l'arenile. A fronte di questa più comoda accessibilità, naturalmente, anche l'affluenza dei turisti aumenta. Molti, locali e no, decidono di posizionarsi inizialmente sulla spiaggia della Scaletta, piantando ombrelloni e occupando il posto, per poi fare tappa, nel corso della giornata, a Cala Tre Buchi.

Mare, luce, ombre a Cala Tre Buchi. Credits Valentina Madonia
Mare, luce, ombre a Cala Tre Buchi. Credits Valentina Madonia

È bene ricordare che in questa zona non è presente alcun tipo di servizio: sarete solo voi e la natura incontaminata a circondarvi. Senza dubbio la scelta perfetta se siete desiderosi di scoprire la Puglia nel suo lato più autentico, nascosto e selvaggio.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Il Portogallo è uno dei paesi più belli e accoglienti del pianeta. Eppure anche qui ci sono alcuni piccoli errori da non commettere se non volete rovinarvi la vacanza. Scopriamoli insieme con questi spunti dalla nostra guida.

Idee di viaggio

La penisola nella Penisola. Il promontorio dell’Argentario è un tesoro (lo dice il nome stesso) troppo spesso sottovalutato. Il suo mare si fa apprezzare sotto mille aspetti diversi: baie nascoste, spiagge sabbiose, insenature di sassi, maestose scogliere, acqua cristallina. I suoi borghi, da Porto Santo Stefano a Porto Ercole, colorano le calde serate estive. Ma anche le strade panoramiche, le tracce della dominazione spagnola, la riserva naturale della Feniglia… Insomma: in questo angolo di paradiso tra Lazio e Toscana c’è un tesoro da scoprire. O riscoprire.