Idee di viaggio

Córdoba, Granada e Málaga, le perle dell'Andalusia

Erika Scafuro

Erika Scafuro

È la regione spagnola, e la parte d’Europa, più vicina al continente africano. La luce, i colori, l’allegria, l’ospitalità, il patrimonio artistico e culturale, attraverso le tracce lasciate da ottocento anni di cultura araba, sono alcuni dei tratti propri dell’Andalusia.
Il clima, arido e caldo in estate, freddo e nevoso sulle montagne dell’interno durante i mesi invernali, rendono l’autunno una delle stagioni migliori per scoprire alcuni dei luoghi più incantevoli inseriti nella lista del Patrimonio dell’Umanità Unesco.
Dopo aver raccontato qui il capoluogo dell’Andalusia, Siviglia, vi proponiamo un itinerario attraverso Córdoba, Granada e Málaga, le città che rendono così preziosa questa zona della Spagna.

Córdoba, un piccolo scrigno di tesori

Córdoba è uno dei centri più apprezzati da chi visita l’Andalusia. Si deve alla civiltà araba, a partire dall’anno Mille circa, il lustro che la caratterizza ancora oggi. Tutto ruota attorno agli stretti vicoli della Judería, l’antico quartiere ebraico, Patrimonio dell’Umanità Unesco. È qui che si trova l’affascinante Mezquita - Cattedrale, in cui tradizione musulmana e cristiana convivono in un contesto unico al mondo.
Un altro monumento caratteristico della città è l’Alcazar, antica fortezza e palazzo dei monarchi cristiani. Un tempo sede del tribunale dell’Inquisizione, è un edificio che mantiene una commistione di elementi romani, visigoti e arabi. Inconfondibile lo stile mudejar che contraddistingue gli interni del palazzo; c'è inoltre un magnifico giardino circondato dalle mura.

L'interno della Mezquita di Córdoba. Credits NaughtyNut / Shutterstock
L'interno della Mezquita di Córdoba. Credits NaughtyNut / Shutterstock

Da non perdere la visita alla piccola sinagoga, fra le testimonianze più rappresentative dell’epoca medievale, e il Museo di Belle Arti (Plaza del Potro), dedicato ai maestri andalusi del barocco come Zurbarán, Antonio del Castillo, Valdés Leal e Palomino.
Concedetevi infine una passeggiata lungo il fiume Guadalquivir e attraversate il ponte romano per ammirare in condizioni perfette lo splendore di questa città.

Una veduta di Córdoba. Credits Sean / Pavone Shutterstock
Una veduta di Córdoba. Credits Sean / Pavone Shutterstock
L’Alhambra di Granada

Dalla parte occidentale dell’Andalusia ci spostiamo verso est. Antico centro culturale ed economico della Spagna durante il XIII secolo, oggi Granada conserva uno dei monumenti più affascinati al mondo, l’Alhambra.
Questo complesso (Patrimonio dell’Umanità Unesco) che ogni anno viene visitato da quasi tre milioni di persone provenienti da tutto il mondo, fu eretto sulla collina rocciosa della città per volere dei principi appartenenti alla dinastia araba dei Nàṣridi fra il XIII e il XIV secolo. Inizialmente progettato con funzioni difensive, grazie alla posizione strategica, successivamente divenne palazzo reale e piccola città-fortezza. Il nome di questo monumento deriva dall’arabo al-Hambra (‘la rossa’) in riferimento al colore rosso delle mura, realizzate principalmente con terra battuta.
La visita all’Alhambra, che raccomandiamo di organizzare per tempo con l’acquisto online del biglietto, comprende anche il Palazzo di re Carlo V, la Medina, i giardini del Generalife, il complesso fortificato e le residenze dei reali di Granada.

Un angolo incantevole dei giardini del Generalife. Credits Fabio Michele Capelli / Shutterstock
Un angolo incantevole dei giardini del Generalife. Credits Fabio Michele Capelli / Shutterstock

Sulla collina opposta all'Alhambra, separata dal fiume Darro, sorge il famoso quartiere di Albaicín. Con le inconfondibili case bianche, le calle, i mirador, le piazzette e i cortili interni, qui si respira ancora l’influenza araba che ha modellato questa città. L’eccellente fusione della tradizione spagnola e musulmana si mostra in tutta la propria bellezza, oltre a conservare elementi del Rinascimento cristiano e della cultura barocca spagnola.

 Case bianche affacciate su una piazzetta di Albaicín. Credits essevu / Shutterstock
Case bianche affacciate su una piazzetta di Albaicín. Credits essevu / Shutterstock
Málaga, vivace città di mare

Punto di riferimento della Costa del Sol, Málaga è una vivace città di mare con un centro storico che racchiude inestimabili tesori. A cominciare dalla maestosa cattedrale, in Calle Molina Lario 9, voluta dai re cattolici e costruita sui resti di un’antica moschea lungo un arco di tempo molto esteso, dal XVI fino al XVIII secolo.
L’Alcazaba di Málaga, il cui nome deriva dall’arabo e definisce una fortificazione all'interno di una città dotata di mura, è considerata fra le più belle della Spagna. Situata alle pendici della collina di Gibralfaro, venne costruita dai musulmani come caposaldo di difesa. Seguite il percorso a piedi che conduce al Castello di Gibralfaro, edificato a protezione dell’Alcazaba, per ammirare la meravigliosa vista che si apre da qui.

Panorama di Málaga dal castello di Gibralfaro. È visibile l'Alcazaba. Credits Romas_Photo Shutterstock
Panorama di Málaga dal castello di Gibralfaro. È visibile l'Alcazaba. Credits Romas_Photo Shutterstock

La città natale di Pablo Picasso celebra l’artista con un Museo (Calle San Agustín 8) che vi invitiamo a visitare per comprendere e apprezzare la sua arte, magari approfittando della ricorrenza dei cinquant’anni dalla sua morte.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Bagnata da acque cristalline e toccata da venti freschi che la rendono una meta ambita da surfisti e marinai, Creta è senza ombra di dubbio una delle più incantevoli tra le isole greche. Molto estesa, offre una pluralità di luoghi da visitare ed è pertanto una destinazione versatile e adatta a qualsiasi tipologia di viaggiatore. È possibile, infatti, perdersi in affascinanti siti archeologici, vivere esperienze di trekking mozzafiato o, ancora, regalarsi una parentesi di puro relax in una delle tante spiagge situate lungo le coste dell'isola.

Idee di viaggio

Racchiuso tra le verdi e dolci colline toscane, il Chianti è un dipinto a cielo aperto che non smette di affascinare. D’inverno dà il benvenuto con i suoi vini e le sue vigne senza fine, d’estate regala la bellezza dei suoi castelli e dei suoi borghi, ricchi di storia, meraviglia, leggende e tradizioni.