Idee di viaggio

Instancabile Berlino, è sempre tempo di visitarla

Erika Scafuro

Erika Scafuro

Superate le tragiche divisioni che ne hanno contraddistinto la storia, Berlino è divenuta una città cosmopolita e un centro di avanguardia culturale che attrae tantissimi viaggiatori. La capitale della Germania è infatti una meta sempre attuale, ideale per trascorrere qualche giorno in uno spazio vivace e stimolante. Fra i monumenti storici, i musei e i luoghi simbolo, Berlino è perfetta per una visita in ogni momento dell’anno.  

Il cuore pulsante della città

È davanti alla Brandeburger Tor che i berlinesi si trovarono dopo la caduta del Muro, rendendola il simbolo più rappresentativo della riunificazione. Quella di Brandeburgo è l’unica porta della città rimasta in piedi: venne realizzata per volontà del re di Prussia Federico Guglielmo II. Da qui è comodo procedere verso un altro punto iconico della ricostruzione postbellica: Potsdamer Platz, distrutta quasi completamente durante la seconda guerra mondiale e tagliata in due dal Muro. Qui l’imprinta moderna degli edifici, opera di illustri architetti internazionali, ha creato uno spazio intorno al quale ruotano il divertimento e la frenesia della città. A dare identità a questo luogo è il Sony Center, che racchiude una serie di costruzioni in acciaio e vetro, punto di ritrovo per i berlinesi.

La Porta di Brandeburgo. Credits canadastock / Shutterstock
La Porta di Brandeburgo. Credits canadastock / Shutterstock

Il suo nome ricorre spesso al telegiornale e sulla stampa: il Bundestag, il parlamento federale tedesco, ha sede nell’edificio del Reichstag ed è uno dei monumenti di maggiore interesse della città. La sua ristrutturazione è opera dell’architetto Norman Foster, che aggiunse la spettacolare cupola di vetro che sovrasta il palazzo: la vista panoramica che si gode dalla terrazza è una delle esperienze berlinesi da non perdere (la prenotazione è obbligatoria, meglio se con un certo anticipo).

Lunga tre chilometri e mezzo, Friedrichstraße, è una delle arterie principali di Berlino. Affacciati su questa strada ci sono negozi eeganti, di alta moda e non solo. All’angolo con Zimmerstraße il celeberrimo Checkpoint Charlie, ancora oggi meta di turisti e visitatori, era il varco di frontiera tra il settore sovietico e quello statunitense di Berlino.

La cupola illuminata del Bundestag. Credits Matej Kastelic / Shutterstock
La cupola illuminata del Bundestag. Credits Matej Kastelic / Shutterstock
Per riflettere sugli orrori della storia

Impossibile, in una città come Berlino, non abbandonarsi ai momenti di riflessione sugli orrori della storia del Novecento. L’Holocaust Mahnmal è un labirinto realizzato con oltre duemila stele di cemento, dedicato alle vittime ebree del regime nazista. Si trova nel cuore della città, ma il silenzio è percepibile mentre si cammina fra i blocchi. Il Jüdisches Museum, in Lindenstraße 9, è racchiuso nella celebre struttura progettata dall’architetto Daniel Libeskind; in questo museo la storia viene ripercorsa dalla prospettiva degli ebrei tedeschi, mettendo in luce il contributo degli ebrei alla cultura tedesca e le storie di alcune personalità di spicco.

L'impressionante installazione "Shalechet - Foglie cadute" allo Jüdisches Museum. Credits Marc31 / Shutterstock
L'impressionante installazione "Shalechet - Foglie cadute" allo Jüdisches Museum. Credits Marc31 / Shutterstock
Musei, arte di strada e la visita a Schloss Charlottenburg

Berlino vanta alcuni dei musei più prestigiosi al mondo: la Museumsinsel – l’isola dei musei – è un complesso museale che comprende il Pergamonmuseum (attualmente chiuso per lavori di ristrutturazione), il Bode-Museum, il Neues Museum, l’Alte Nationalgalerie e l’Altes Museum. Dedicare una giornata a visitare i musei che rispondono ai principali interessi di ognuno è sicuramente un must.

Lo è anche percorrere il chilometro dell’East Side Gallery, che espone opere di artisti internazionali che hanno utilizzato il Muro per dipingervi messaggi di pace e per colorarlo di arte.

Un tratto della East Side Gallery. Credits Ewa Studio / Shutterstock
Un tratto della East Side Gallery. Credits Ewa Studio / Shutterstock

Non serve essere appassionati di storia per apprezzare il raffinato complesso del castello di Charlottenburg, che non a caso è ispirato a Versailles: il palazzo principale, insieme ad altre strutture minori e al parco che lo circonda, riflette ancora a distanza di secoli i fasti della dinastia degli Hohenzollern. Al suo interno si possono visitare le stanze reali e ammirare gli arredi sontuosi e una preziosa collezione di dipinti francesi. All’esterno i giardini invitano a rilassanti passeggiate nel verde.

La facciata e il parco di Schloss Charlottenburg. Credits Nick Fox / Shutterstock
La facciata e il parco di Schloss Charlottenburg. Credits Nick Fox / Shutterstock
Cosa mangiare a Berlino

Vi suggeriamo di apprezzare la multiculturalità di Berlino, di assaggiare le specialità locali e di sperimentare cucine diverse, senza troppi rimpianti per il cibo di casa. La parola d’ordine è quindi "curiosità": approfittater dello street food e dei locali di tendenza che servono piatti tipici accompagnati dall’immancabile birra tedesca, ad esempio il currywurst, un würstel cotto e cosparso di salsa di pomodoro piccante.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Il Portogallo è uno dei paesi più belli e accoglienti del pianeta. Eppure anche qui ci sono alcuni piccoli errori da non commettere se non volete rovinarvi la vacanza. Scopriamoli insieme con questi spunti dalla nostra guida.

Idee di viaggio

La penisola nella Penisola. Il promontorio dell’Argentario è un tesoro (lo dice il nome stesso) troppo spesso sottovalutato. Il suo mare si fa apprezzare sotto mille aspetti diversi: baie nascoste, spiagge sabbiose, insenature di sassi, maestose scogliere, acqua cristallina. I suoi borghi, da Porto Santo Stefano a Porto Ercole, colorano le calde serate estive. Ma anche le strade panoramiche, le tracce della dominazione spagnola, la riserva naturale della Feniglia… Insomma: in questo angolo di paradiso tra Lazio e Toscana c’è un tesoro da scoprire. O riscoprire.