Idee di viaggio

Umbria: itinerario di viaggio nel viver bene

Redazione

Redazione

L’Umbria ha un talento naturale per il viver bene. Non è solo una delle regioni italiane dal paesaggio più dolce. Saprà conquistarvi (per sempre) soprattuto con il suo cibo, in ogni forma, e con l’ospitalità delle persone, in ogni luogo. Ecco una carrellata di esperienze imperdibili, da seguire con la nostra carta stradale sotto mano.

Assisi e il Monte Subasio. Credits Gianni Fantauzzi / Shutterstock
Assisi e il Monte Subasio. Credits Gianni Fantauzzi / Shutterstock
Assisi: un soggiorno di classe stellare

Piscine e saune tra colonne romane, elegante essenzialità nelle celle di un ex convento, cena con vista sul Monte Subasio: tutto questo al Nun Assisi Relais & Spa Museum, in un magnifico hotel a cinque stelle. Non lo troverete mai in alcuna classifica low budget, però vivrete sensazioni da ricordare sempre!

Castiglione del lago, gioiello sul Trasimeno. Credits Natali Poroshina / Shutterstock
Castiglione del lago, gioiello sul Trasimeno. Credits Natali Poroshina / Shutterstock
Con le ali ai piedi

D’accordo, non saremo noi a ricordarvi quanto è bello girare in Vespa, perché l’evergreen della Piaggio non ha bisogno di presentazioni. Non dimenticare però che lo scooter è il mezzo di trasporto ideale per apprezzare i paesaggi che si susseguono lungo le rive del Lago Trasimeno nelle calde giornate estive.

Norcia, Piazza San Benedetto. Credits Hans Peter Schaefer / Wiki Commons
Norcia, Piazza San Benedetto. Credits Hans Peter Schaefer / Wiki Commons
Il parco dei prosciutti

La sublime arte della norcineria è nata qui, a Norcia, quindi non stupitevi di trovare prosciutti e carni suine tra le migliori dell’universo. Dai Fratelli Ansuini, a Norcia, potrete acquistare squisite salsicce di maiale, gustosa mortadella di cinghiale, salame al tartufo e affettati di ogni tipo. Non perdete un ampio assaggio del prosciutto di Norcia, premiato con il riconoscimento del marchio IGP già nel 1998.

Gualdo Tadino. Credits leoks / Shutterstock
Gualdo Tadino. Credits leoks / Shutterstock
L'acqua della salute... ma dalla fonte!

Gualdo Tadino non è famosa soltanto per la produzione di ceramica, ma anche per le fonti della Rocchetta. Qui non dovete nemmeno acquistarla in bottiglia, potete berla direttamente dalle fontanelle che troverete in città, ad esempio vicino al Duomo.

Porta Venere a Spello. Credits Cris Foto / Shutterstock
Porta Venere a Spello. Credits Cris Foto / Shutterstock
Lungo il Cammino di San Francesco

Nel 1209 “il poverello d’Assisi” partì a piedi alla volta di Roma, dove ottenne da papa Innocenzo III il permesso di fondare l’ordine dei frati mendicanti. Potete percorrere con calzature di gran lunga migliori delle sue parte del tragitto dirigendovi a Spello. Vi aspetta una decina di chilometri tra campi nel coltivati, antichi casali e dolcezza del paesaggio umbro.

Palazzo Ducale a Gubbio. Credits Alanstix64 / Shutterstock
Palazzo Ducale a Gubbio. Credits Alanstix64 / Shutterstock
Gubbio: assaggini di dolce vita

Affacciato su Piazza Grande e il meraviglioso Palazzo dei Consoli, il Bar & Relais Ducale di Gubbio è il posto perfetto per indulgere a qualche lungo attimo di relax e dolce vita, tra ottimi drink e prelibati spuntini, preparati e serviti con garbo. Il frequentatore più celebre non esiste, se non sugli schermi televisivi. Si chiama Don Matteo; molte scene della fiction sono girate qui (come testimonia l’abbondanza di fotografie). Se voleste fermarvi per la notte, nessun problema: il Ducale è anche un ottimo e accogliente hotel.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Genova ama sorprendere e in giro per le sue strade non mancano le occasioni per restare a bocca aperta, spesso dovute a sapienti riletture di un passato straordinario. Il via lo ha dato Renzo Piano con la riqualificazione del Porto Antico per le Colombiadi, ma anche oggi questa città sa reinventarsi e proporre nuovi stimoli a chi ama viaggiare. Che ne dite, per esempio, di soggiornare in un ostello super raffinato realizzato tra gli archi in pietra di una via di grande rilevanza urbanistica?

Idee di viaggio

Per la sua aria pulita e il basso inquinamento luminoso, la “riserva di cielo buio” attorno al bacino idrico di Alqueva rappresenta una zona ideale per l’osservazione delle stelle. Le attrattive dell'Alentejo però non finiscono qui, tra villaggi scenografici, panorami splendidi e soste rigeneranti ne avrete per tutta la giornata.