Idee di viaggio

Vercelli: breve viaggio nella capitale europea del riso

Redazione

Redazione

Dove il Piemonte inizia ad aprirsi alla Lombardia e le acque del fiume Sesia scorrono lente in quella che è ormai la vasta Pianura Padana, si trova una città che sarebbe un vero peccato trascurare. Parliamo di Vercelli, niente affatto una cenerentola nel panorama della regione. Le forme nobili della Basilica di Sant'Andrea, i sapori sopraffini dei risotti che si preparano qui e lo spettacolo antico delle risaie resteranno a lungo impressi nella vostra memoria.

Un capoluogo pieno di storie da raccontare

La “capitale europea del riso” è situata proprio a metà strada tra Torino e Milano e tra Novara e Biella. Il suo territorio pianeggiante, ricco di corsi d’acqua e di canali (il più noto è il canale Cavour), è l’ideale per le risaie che richiedono irrigazione abbondante. Di antica tradizione vercellese è anche l’artigianato dell’argento. La città è sede del rettorato e del Dipartimento Studi Umanistici dell’Università del Piemonte Orientale. Sì, anche se sono in molti a sottovalutarla, Vercelli è una città che sa regalare bellezza e sapori a chi disposto a rallentare il passo e fermarsi ad ascoltare le molte storie del suo illustre passato.

Vercelli: le forme severe ed imponenti del complesso di Sant'Andrea
Vercelli: le forme severe ed imponenti del complesso di Sant'Andrea
Basilica di Sant'Andrea

Costruita nel 1219, la facciata è ancora romanica mentre l’interno presenta tratti tipici dello stile gotico, ispirato a modelli cistercensi e caratterizzato da tre navate con volte a crociera sorrette da pilastri a fascio. Non c’è da meravigliarsi se la facciata ricorda le cattedrali inglesi: il committente era un cardinale che aveva operato in Inghilterra per conto del Vaticano e tornando in Italia aveva portato con sé un’idea di architettura influenzata dai modelli d’oltremanica. Caratteristica insolita: sono solo quattro le torri che decorano la basilica.

Gaudenzio Ferrari: dettaglio del Battesimo dei principi di Marsiglia. Vercelli, Chiesa di San Cristoforo
Gaudenzio Ferrari: dettaglio del Battesimo dei principi di Marsiglia. Vercelli, Chiesa di San Cristoforo
San Cristoforo

La chiesa rinascimentale conserva magnifici affreschi dell’epoca realizzati da Gaudenzio Ferrari e divertenti pitture a trompe-l’oeil barocche. Fu edificata edificato nel 1515 per volontà dell'Ordine degli Umiliati e prese il posto di una chiesa risalente al secolo XII. All'interno troverete tre maestose navate, che terminano con il transetto sul quale si erge la cupola. In marco policromo è l'ampia balaustra realizzata su disegni di Juvarra: divide la parte riservata ai fedeli dalla zona presbiteriale.

Vercelli: a spasso in una giornata di primavera
Vercelli: a spasso in una giornata di primavera
Una cena di gran classe

Chi vuole assaggiare specialità a base di riso, può andare a Borgo Vercelli a nord della città: all'Osteria Cascina dei Fiori lo chef Massimo Milan propone, ad esempio, polpettine di riso con uova di tonno. Un locale curato e di grande qualità, dove potrete trascorrere una serata all'altezza delle belle cose viste a Vercelli.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

“Porta d’Oriente”: il soprannome di Otranto si riferisce alla posizione, nel punto più a est d’Italia, e all’aspetto, con casette bianche che sembrano uscite da una fiaba delle Mille e una notte. Nei giorni limpidi, all’orizzonte oltre l’Adriatico, si scorgono le coste dell’Albania. D’estate è una meta turistica molto frequentata grazie al curato centro storico, al famoso castello e alla cattedrale che custodisce preziosi mosaici.

Idee di viaggio

La città conserva un’atmosfera d’altri tempi, ma tanto è immobile la sua architettura medievale, quanto è esuberante e inaspettata la proposta gastronomica e culturale. La realtà è questa: nel Medioevo Asti era la repubblica più potente e ricca del Piemonte, talmente ricca da evitare la distruzione minacciata dall’imperatore Federico Barbarossa semplicemente pagando un riscatto.