Idee di viaggio

Viaggio a Bordeaux: perché proprio ora?

Lucrezia Pettinato

Lucrezia Pettinato

Sarà anche tra le città più infedeli d’Europa – colpa del buon vino, che pare renda particolarmente propensi all’adulterio -, ma una cosa è certa: Bordeaux negli ultimi anni ha sorpreso un po’ tutti.

 Bordeaux ti prende anche per la gola © Peekaboo Travel Baby
Bordeaux ti prende anche per la gola © Peekaboo Travel Baby
Un insieme perfettamente riuscito

Bordeaux acquista fascino se ci si cala nel suo contesto: non si visita la singola attrazione o solo il centro storico (pur essendo patrimonio dell’Unesco), ma si respira il clima francese, si assapora il buon vino (alla Cité du Vin, o meglio ancora si fa una degustazione e si visitano i vigneti della zona), si delizia il palato con i sapori forti della cucina bordolese e, in generale, dell’Aquitania. Insomma, si osserva una città dove tutto procede con calma, senza perdere d’occhio le nuove mode.

Bordeaux è nota soprattutto per il suo centro storico da attraversare rigorosamente a piedi o in bicicletta (l’area è per lo più pianeggiante). Ha un fascino innegabile vagare tra le tante chiese, il Teatro dell’Opera e la Piazza della Borsa con il suo “mirroir d’eau” da apprezzare d’estate (d’inverno il servizio purtroppo non funziona). Nel fine settimana vi raccomando di passeggiare lungo la Garonna, assaporando le specialità culinarie del Marché des Quais, e di concedervi un prelibato aperitivo a base di ostriche, baguette, burro salato e… vino bianco (ça va sans dire).

Bordeaux, magia lungo la Garonna
Bordeaux, magia lungo la Garonna
Verde e amica dei bambini

Non bisogna, tuttavia, sottovalutare l’altra Bordeaux, quella green della Rive Droite con l’orto botanico e il suo fascino discreto, quella brulicante del centro Darwin (ecosistema dedicato alle attività creative) e della Street art, quella del Design e della cultura con il ponte Jacque Chaban-Delmas e il Betasom (il bunker base navale dei sottomarini che ospita uno spazio culturale).

La città strizza l’occhio alle famiglie, garantendo servizi ed attrazioni ad hoc per i più piccoli come lo zoo, le piste per lo skate, il museo della scienza (Cap Sciences) situato sul lungo fiume. Non perdetevi il rally jeu nel centro promosso dall’ufficio del turismo e la caccia al tesoro nella vieux Bordeaux.

In pochi anni Bordeaux ha mostrato una straordinaria capacità di valorizzazione delle proprie risorse naturali: vivace e giovanile, si è goduta l’atmosfera della Garonna, ha coltivato la sua anima verde, si è mostrata pulita e ordinata. Infine, si è calata nel contesto internazionale concedendosi il vanto di parlare un ottimo inglese. Andiamo a scoprirla?

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

La penisola nella Penisola. Il promontorio dell’Argentario è un tesoro (lo dice il nome stesso) troppo spesso sottovalutato. Il suo mare si fa apprezzare sotto mille aspetti diversi: baie nascoste, spiagge sabbiose, insenature di sassi, maestose scogliere, acqua cristallina. I suoi borghi, da Porto Santo Stefano a Porto Ercole, colorano le calde serate estive. Ma anche le strade panoramiche, le tracce della dominazione spagnola, la riserva naturale della Feniglia… Insomma: in questo angolo di paradiso tra Lazio e Toscana c’è un tesoro da scoprire. O riscoprire.

Idee di viaggio

Si narra che le isole dell'Arcipelago Toscano siano le perle della collana indossata da Afrodite, spezzatasi quando la dea della bellezza emerse dalle acque e le sparse nel blu del mar Tirreno. L'Isola d'Elba è la più grande di queste perle e delle isole minori del nostro paese. Tuttavia, è ancora (fortunatamente) appartata e lontana dal trambusto e e dagli eccessi turistici della terraferma.