Idee di viaggio

Viaggio a Venzone, uno dei borghi più belli del Friuli (e d'Italia)

Venzone è uno dei borghi più belli del Friuli e anche d'Italia: dichiarato Borgo dei Borghi nel 2017, è simbolo della rinascita Friulana dopo il terremoto del 1976. Un paese tenace, che ha saputo rialzarsi, ricostruirsi e ritornare alla sua bellezza originale. Oggi vi porto a scoprirlo.

Il centro storico di Venzone | Credits Luca Pery
Il centro storico di Venzone | Credits Luca Pery
Com'era, dov'era

Ha deliziose vie acciottolate e uno spiccato profilo storico, ma tra i segni particolari di Venzone c'è molto di più. Non bisogna dimenticare che è stato fortemente segnato dal terremoto del 1976: il paese venne quasi raso al suolo e fu successivamente ricostruito con la tecnica dell'anastilosi, ricomponendo le strutture distrutte con i pezzi originali grazie alla consultazione dell'archivio fotografico, secondo il motto “com'era dov'era”. 

La storia del terremoto di Venzone è raccontata all'interno del museo Tiere Motus. Oltre a questo, vi consiglio naturalmente di visitare il centro del borgo, dove si trovano anche molti negozi, tra i quali uno di lavanda.

Venzone, la Cripta di San Michele | Credits Luca Pery
Venzone, la Cripta di San Michele | Credits Luca Pery
Tutto intorno al Duomo

Il Duomo di Venzone, conosciuto anche come Chiesa di Sant'Andrea Apostolo, è il principale luogo di culto in paese e risale al Trecento: ha una pianta a croce latina a navata unica e una cripta dedicata a San Michele. Al suo interno tre importanti affreschi: la Consacrazione del Duomo, l'Incontro di San Martino con il povero e San Giorgio libera la principessa dal drago. Accanto al Duomo, si trova la Cappella di San Michele, che sorge su una cripta seminterrata.

Le mummie di Venzone

All'interno della cripta di San Michele, si trovano le Mummie di Venzone: sono 5 mummie perfettamente conservate, il cui primo ritrovamento risale al 1647. Fu il Gobbo il primo 'personaggio' a essere ritrovato. Successivamente, tra Ottocento e Novecento, furono rinvenute anche le altre quattro mummie. Per accedere alla cripta di San Michele occorre acquistare un gettone al bar vicino. All'interno sarete investiti da un odore di muffa fortissimo, ma la vista delle mummie vi resterà a lungo impressa.

Lavanda di Venzone | Credits Luca Pery
Lavanda di Venzone | Credits Luca Pery
Eventi a Venzone

Venzone è conosciuta anche per due eventi che si tengono durante l'anno: il più importante è la festa della zucca, organizzata solitamente a fine ottobre. La zucca viene presentata in varie forme, sia commestibili che decorative. Durante tutto il fine settimana si svolgono spettacoli e manifestazioni in stile medievale, con esibizioni di mangiafuoco e giocolieri lungo le vie del borgo. Un concorso premia le zucche più elaborate.

La seconda è la festa della Lavanda, intorno al 10 agosto, il cui scopo è far conoscere la lavanda coltivata nelle campagne circostanti. Lungo le vie si trovano bancarelle e negozietti dove potrete acquistare qualche sacchetto dell'odorosa pianta. Un profumatissimo abbraccio avvolge Venzone per due giorni di festa. 

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

La città conserva un’atmosfera d’altri tempi, ma tanto è immobile la sua architettura medievale, quanto è esuberante e inaspettata la proposta gastronomica e culturale. La realtà è questa: nel Medioevo Asti era la repubblica più potente e ricca del Piemonte, talmente ricca da evitare la distruzione minacciata dall’imperatore Federico Barbarossa semplicemente pagando un riscatto. 

Idee di viaggio

Ogni estate la Spagna riceve da sudovest le brezze calde e sabbiose del Lebeche, il nostro Libeccio. Se da Madrid chiedessimo un passaggio a quel vento caldo, e gli dicessimo di portarci verso l’Africa, ma oltre quei deserti da cui raccoglie le sue polveri, più a sud, oltre il Marocco, ci troveremmo di nuovo in Spagna.