Idee di viaggio

Weekend a Palermo. Tre cose da vedere.

Redazione

Redazione

Un tris di mete da non perdere a Palermo. Il capoluogo siciliano è bellissimo e pieno di iniziative. Esploratelo con la nostra guida alla Sicilia.

Palermo, in giro per la Kalsa
Palermo, in giro per la Kalsa
La Kalsa

Al Halisah, “la prescelta”, era il nome che gli Arabi diedero al quartiere che si affacciava sul mare e sul porto. Qui sorgeva il palazzo del califfo e più tardi furono eretti i grandi palazzi delle famiglie nobiliari e le chiese. Ora come un tempo, gli abitanti di Palermo amano gironzolare la sera nei pressi di Porta Felice e sul lungomare, dove numerosi chioschi invitano a gustare piatti di pesce o un gelato.

Il portale e il raffinato rosone sulla facciata principale della chiesa di San Francesco d’Assisi sono impressionanti. La struttura gotica, dalle linee pulite, è uno dei pochi
esempi di questo stile a Palermo, dove primeggia la pomposità del barocco; è un luogo in netto contrasto con la fattura delle statue a grandezza naturale che sono state realizzate nel 1723 da Giacomo Serpotta e rappresentano allegoricamente i vizi e le virtù.

Palermo: palazzo dei Normanni
Palermo: palazzo dei Normanni
Palazzo dei Normanni e Cappella Sistina

L’antico Palazzo Reale, costruito nel IX secolo, è sede dell’Assemblea Regionale Siciliana, detta anche “Parlamento Siciliano”. La Cappella di corte fu realizzata da alcuni artisti bizantini, normanni e arabi. L’interno è completamente ricoperto da intarsi in pietra e mosaici a fondo oro, opera di artisti di Costantinopoli. Nella navata centrale potete ammirare l’alto trono reale di Ruggero II, il candelabro pasquale, un ambone utilizzato come pulpito e l’altare principale, tutti riccamente decorati. Al piano superiore si trova invece la Sala di Ruggero, con mosaici raffiguranti animali e fiori.

Palermo: la Zisa
Palermo: la Zisa
La Zisa

Gli architetti arabi costruirono nel XII secolo la villa estiva dei re. La grande struttura cubica dell’edificio è alleggerita da alcuni archi ciechi, finestre e portali. La Sala della Fontana è un’elegante stanza riccamente decorata con marmi e mosaici, e dominata da una volta a crociera ogivale; l’acqua scivola su una lastra marmorea obliqua e confluisce poi in una peschiera antistante. Le canne di ventilazione, le finestre e le vasche continuano a garantire la freschezza dell’ambiente anche in piena estate, a 800 anni dalla costruzione.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

A volte è amore a prima vista, anche con le città, soprattutto quando si trova il punto di osservazione migliore per ammirarle. Da New York a San Pietroburgo, ecco 10 prospettive che vi faranno restare senza fiato!

Idee di viaggio

Riconosciuta dall’Unesco Patrimonio Mondiale dall’Umanità, Ferrara è una città davvero unica nella sua modernità, da vivere in ogni momento dell’anno. Arte, cultura eventi e buona cucina fanno da padroni in questa splendida città dal carattere rinascimentale. Siete pronti a scoprire con me le bellezze che vi aspettano a Ferrara? Partiamo subito.