Idee di viaggio

I 5 luoghi più terrificanti del pianeta

Redazione Marco Polo

Redazione Marco Polo

È vero, nessuno li sceglierebbe per passarci una vacanza, ma visitarli regala una scarica di adrenalina fantastica. Ecco alcuni dei luoghi più terrificanti del pianeta. Vi diamo un solo consiglio: restateci lo stretto necessario!

Lago Natron. Credits mathiasmoeller / Shutterstock
Lago Natron. Credits mathiasmoeller / Shutterstock
1. Lago Natron
Tanzania

Le acque del Lago Natron, che si trova nella Tanzania settentrionale, sono mortali, a causa dell’altissima concentrazione di carbonato idrato di sodio (noto appunto come Natron). Non preoccupatevi per i fenicotteri di questa foto. Sono gli unici animali in grado di sopravvivere in questo ambiente, grazie a un particolare rivestimento che ricopre le loro zampe. Non è tutto: oltre ai fenicotteri, prosperano nelle acque del lago particolari microrganismi in grado di cambiare colore. Questo spiega la particolare colorazione che vedrete assumere a questo specchio d’acqua… infernale.

Isola di Hashima. Credits Zoblinski / shutterstock
Isola di Hashima. Credits Zoblinski / shutterstock
2. Isoa di Hashima
Giappone

Volete considerarla un’isola fantasma, abitata da spettri di un passato nemmeno così lontano? Siete autorizzati. Preferite farne il simbolo dell’archeologia industriale del Giappone? Siete i benvenuti. Sì, perché fino al 1974 quest’isola ha prosperato grazie (o per colpa) di uno stabilimento minerario. In quell’anno fu chiuso e su Hashima calò il sipario. Fino al 2015, quando l’Unesco decise di inserirla tra i patrimoni del passato industriale dell’Umanità.

Death Valley National Park, California. Credits Doug Meek / Shutterstock
Death Valley National Park, California. Credits Doug Meek / Shutterstock
3. Death Valley
California

In California madre natura si è davvero sbizzarrita. Ha creato i vigneti della Napa Valley, le meravigliose spiagge di San Diego, il saliscendi di San Francisco (con l’aiuto dell’uomo), ma anche uno dei luoghi più inospitali del pianeta. Parliamo naturalmente della Death Valley, che comprende anche una porzione dello stato del Nevada. Da queste parti le attrazioni sono città abbandonate, miniere in disuso, polvere, sabbia e un sole infuocato. E la sensazione di essere circondati dalla morte, ovunque.

Il Cristo Velato della Cappella Sansevero. Credits marcobrivio.photo / Shutterstock
Il Cristo Velato della Cappella Sansevero. Credits marcobrivio.photo / Shutterstock
4. Cripta di San Severo
Napoli

Nella cripta della Cappella Sansevero farete uno degli incontri più macabri che si possano immaginare. Parliamo delle cosiddette ‘macchine anatomiche’: due corpi, un uomo e una donna probabilmente servi del principe Sansevero, i cui cadaveri sono stati completamente scarnificati, per rendere osservabile il sistema circolatorio. Sicuri di voler guardare? Lo spettacolo è davvero inquietante!

Le Catacombe di Parigi. Credits Mikhail Gnatkovskiy / Shutterstock
Le Catacombe di Parigi. Credits Mikhail Gnatkovskiy / Shutterstock
5. Catacombe
Parigi

Il mondo sotterraneo di Parigi è sconfinato. Oltre ai tunnel della metropolitana e ai canali delle fognature, sotto la città si snodano oltre 300 km di catacombes, l’ossario comunale dove riposano i defunti… I materiali per costruire Parigi vennero estratti da cave sotterranee. Il sistema di tunnel lungo 300 km (in cui oggi si svolgono talora feste “illegali”) è in parte visitabile. Poiché i cimiteri di Parigi fino al XVIII secolo erano perennemente sovraffollati, le amministrazioni che si sono succedute nei periodi seguenti hanno deciso di ammonticchiare qui, nei meandri del sottosuolo, i resti delle generazioni passate. Viste le code, conviene arrivare presto.

Articoli

Potrebbero interessarti anche

Idee di viaggio

Vale la pena allontanarsi per qualche ora da Venezia per esplorare la quieta bellezza di Pellestrina, una delle isole della Laguna veneta. Questa sottile lingua di terra separa le acque lagunari dal Mar Adriatico e fino a qualche decennio fa era popolata esclusivamente da pescatori e merlettaie. Oggi è molto più comune incontrarvi viaggiatori in cerca di sentieri meno battuti, ma l’isola ha comunque mantenuto il proprio irresistibile aspetto pittoresco.

Idee di viaggio

Le isole Canarie sono un classico del turismo e, forse proprio per questo motivo, una destinazione che non attirava più di tanto la nostra curiosità. Poi l’occasione di una settimana di vacanza a febbraio e la voglia di spezzare l’inverno hanno contribuito alla scelta e così siamo partiti per Tenerife, l’isola più grande dell’arcipelago.

A eccezione della zona sud, frequentata prevalentemente dal turismo di massa, l’isola offre una natura sorprendente, ricca di contraddizioni e singolarità: in poche parole ci ha entusiasmato!